Un commento

Tentata rapina al negozio di Kebab, romeno condannato

tribunale-kebab

Per una serata di follie, Vasile Irinel Mandea, 28 anni, romeno, con alle spalle precedenti per reati contro il patrimonio, è stato condannato dal collegio dei giudici (presidente Pio Massa, a latere Andrea Milesi e Francesco Sora) ad una pena di un anno, quattro mesi e 400 euro di multa contro i tre anni e tre mesi chiesti dal pm Fabio Saponara. L’accusa era di tentata rapina. Il fatto è del 5 aprile del 2010, quando l’imputato e un altro connazionale, già condannato a suo tempo ad un anno con il rito abbreviato, erano entrati nel negozio Kebab di via Manzoni già ubriachi e pretendevano di bere ancora. Davanti al rifiuto della ragazza dietro il banco, ne era nato un parapiglia nel quale i malviventi avevano afferrato delle bottiglie di birra. Ad un certo punto era spuntato anche un coltello con il tentativo di prendere i soldi dalla cassa, che però i romeni non erano riusciti ad aprire. Poi l’intervento dei titolari del locale e la fuga dei due, rimasti feriti dai cocci di bottiglia. Infine l’intervento degli agenti della volante che li avevano arrestati. Al processo l’imputato era difeso dall’avvocato Luca Curatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Pierre Robes

    Qui lo dico e qui lo ripeto: I GIUDICI SONO SEMPRE TROPPO BUONI. QUESTI RIFIUTI DELLA SOCIETA’ VANNO TRATTATI DIVERSAMENTE.