Commenta

Casalmaggiore in musica Al via la sedicesima edizione dell'International Festival

casalmaggiore-international-festival

Anche quest’anno col 9 luglio prenderà il via il «Casalmaggiore International Festival», la tradizionale rassegna musicale, giunta ormai alla sedicesima edizione, che per tre settimane contraddistinguerà il mese di luglio casalasco. Gli intenti e il programma delle relative masterclasses, con annessi concerti quotidiani realizzati nel territorio e non solo, sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa durante la quale Angelo Porzani, presidente dell’Associazione promotrice della manifestazione – gli “Amici del Casalmaggiore International Festival” –, affiancato da Massimo Araldi, Vittorio Rizzi e Ferruccio Martelli, ha illustrato le caratteristiche e le novità di questa importante esperienza formativa e artistica.

La città è dotata di spazi privilegiati dal punto di vista storico-architettonico, quali il settecentesco Teatro Comunale, l’Auditorium Santa Croce, il restaurato convento del Seicento sede della Fondazione Santa Chiara, e si propone pertanto quale luogo ideale per fornire ospitalità ai centoventi musicisti provenienti da ventuno paesi del mondo in arrivo a Casalmaggiore per frequentare gli imminenti corsi di perfezionamento. Tali ambienti risultano inconsueti e davvero singolari nello scenario nazionale delle analoghe proposte estive che vivificano la Penisola, realizzate, ahimè, quasi sistematicamente in spazi di fortuna. L’iniziativa, peraltro, non è meno intrigante dal punto di vista didattico e offre lezioni di altissimo livello tenute da musicisti di primaria importanza nel panorama artistico internazionale. Nella presente edizione, curata come sempre dalla violinista americana Anne Shih e dal presidente onorario Taras Gabora, a differenza del passato, la docenza sarà affidata anche a maestri italiani, in primis a Roberto Cappello, pianista di fama internazionale nonché direttore del Conservatorio di musica di Parma; quindi ai cantanti Donatella Saccardi, Lucia Rizzi e Lelio Capilupi, all’oboista casalasco Arnaldo De Felice, ai pianisti accompagnatori Giuseppe Vaccaro e Dario Bonucelli, oltre ai già noti e familiari Giacomo Battarino, Andrea Ambrosini e Roberta Ropa: figure in grado di conferire prestigio alla manifestazione – sino ad ora realizzata prevalentemente da insegnanti stranieri – e tali da aver consentito un allargamento dell’utenza agli allievi del nostro Paese.

Da ricordare, inoltre, la presenza nel Festival del Quartetto d’archi ospite, il «Borealis String Quartet», oltre all’intervento di giovani compositori stranieri che, nell’ambito del progetto CIME (Contemporary International Musical Exchange), proporranno nuovi lavori da prendere in attenta considerazione in quanto specchio di un momento espressivo dell’odierno contesto culturale.

Come di consueto costituiranno momenti essenziali nel percorso formativo i cinquantuno concerti, ad ingresso quasi sempre gratuito, realizzati a Casalmaggiore (Cappella e Aula Magna della Fondazione Santa Chiara, Cortile Museo Diotti, Teatro Comunale, Chiesa di San Francesco, Sagrato del Duomo) e in diverse località del circondario quali Bozzolo (Chiesa di San Francesco), Cella Dati (Villa Dati), Colorno (Giardino storico della Reggia), Sabbioneta (Teatro all’Antica), Medesano (Sala civica “Romano Gandolfi”), Cremona (Auditorium Camera di Commercio) e Parma (Casa della Musica). Si tratta indubbiamente di opportunità da non perdere in quanto tali eventi – incentrati sulla musica solistica o da camera relativamente agli insegnamenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, oboe e canto – rappresenteranno momenti di altissimo livello artistico ben differenti dai tanti banali saggi di fine corso proposti spesso altrove.

Il concerto d’inaugurazione sarà tenuto da alcuni degli insegnanti del Festival (Megumi Masaki, Mikhail Voskresensky, Roberto Cappello, Nai Yuan Hu, Roger Chase, Giacomo Battarino, Lucy Hall, Tilman Wick, The Borealis Quartet) e avrà luogo lunedì 9 luglio 2012 (ore 21.15) nel Cortile del Museo Diotti di via Formis.

Il Festival si svolge con il sostegno di: Distretti Culturali Fondazione Cariplo, Provincia di Cremona, Comune di Casalmaggiore.

Per maggiori informazioni si veda il sito

Paola Cirani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti