11 Commenti

Perché Berlusconi torna in campo?

opinione-cremona

La domanda è sulla bocca di molti: ma è vero che il Cavaliere vuole ricandidarsi premier? Perché non molla? Non gli è bastata l’esperienza di quattro governi terminata, come sappiamo, lo scorso 12 novembre nel tripudio degli avversari che nel gaudio (etilico) parlarono addirittura di “Festa di liberazione”? Ora, oplà, il dietrofront. Che c’è sotto?

Un passo indietro. Nella sua prima intervista ad un quotidiano da quando aveva lasciato la presidenza del Consiglio –  intervista esclusiva al Financial Times concessa  ai primi di febbraio – Silvio Berlusconi disse: “No, non mi candiderò premier anche se sono sempre il più popolare. Farò da padre nobile del Pdl: è Alfano il mio erede, eppoi decideranno le primarie”. Il mese dopo Berlusconi è diventato – per la terza volta – presidente del Milan con due vice (il fratello Paolo e il fido Galliani). E tutto lasciava presagire che a 76 anni avesse trovato pace nello sport ed una nuova vita dopo le famose 2.600 udienze, 25 processi e nemmeno una contravvenzione. Famoso, a tal proposito,  il titolo del Giornale del 26 febbraio 2012 dopo l’esito del processo Mills (reato rescritto) :”Berlusconi-PM: 25-0”. Il Cavaliere commentò:”Mezza giustizia è fatta”.

Ora, in piena estate, nove mesi dopo l’insediamento di Monti, l’annuncio del “ritorno” che ha spiazzato molti, persino Maroni. Che ha commentato :”Berlusconi in campo? Dove, a San Siro?”. Ha aggiunto  Rosy Bindi: “Gli italiani apprezzeranno questa grande novità…”.

E’ bastato dunque  l’annuncio della “discesa in campo” di Sua Emittenza per rivedere le solite scene: i comici hanno brindato, i democratici si sono azzuffati in assemblea  – stavolta sui matrimoni gay e sulle primarie -, Napolitano ha sollecitato una nuova legge elettorale, le agenzie di rating hanno continuato a bocciarci (seppur tra le critiche e i sospetti sulla trasparenza di giudizio) e le banche a voltarci le spalle (i mutui, in tre mesi, sono crollati del 47%).

Ufficialmente Berlusconi torna perché convinto dai sondaggi. Che hanno detto: col solo Angelino il partito non va oltre il 10-12%, se Silvio si limita a fare il “padre nobile” massimo si arriva al 17-21%. Altra musica, altri numeri, con Berlusconi candidato premier. La sondaggista Alessandra Ghisleri sostiene che il ticket Berlusconi-Alfano con una squadra di giovani dirigenti può arrivare al 28%. Persino al 30%. Il giornale La Repubblica ha fatto fare un sondaggio all’Ipr che ha confermato: ”Sì  il centrodestra prenderebbe un 30% contro un 40% dell’alleanza Pd-Idv-Sel. Difficile, al momento, dire quale sondaggista abbia ragione.

Un fatto è certo, la sesta discesa in campo di Berlusconi fa evidentemente paura. Valga per tutti quello che ha detto domenica scorsa Bersani: ”Si sente di agghiaccianti ritorni… Liste di fantasia, partiti per procura, leadership invisibili e senza controllo”. Anche Giuliano Ferrara ha detto la sua: ”Berlusconi può rivincere ma non deve mollare Monti”.

Nel frattempo, mentre lorsignori parlano, il debito pubblico è aumentato, la disoccupazione giovanile ha fatto un nuovo record (34,2%), il Pil va a rotoli e la grande “mission” di Rigor Montis – cioè la diminuzione dello spread – è una patacca. In compenso sono cresciute le tasse, i tagli alla Sanità, alla Giustizia, agli uffici postali. Nove mesi di stangate, disoccupazione, di espropri fiscali (dei patrimoni privati) hanno lasciato un brutto segno. Della Dolce Vita di un tempo c’è rimasto solo il diabete. Quasi quasi mi verrebbe da concludere alla Veneziani: l’italia è finita, andate in pace.

Enrico Pirondini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • sandra

    Ha ragione Pirondini. L’ Italia e’ finita. E’ in una situazione senza vie d’ uscita, nonostante Monti, e forse anche grazie a lui. Lo so che per l’ antiberlusconismo la discesa in campo del Cav e’ occasione di giubilo. Ma l’ Italia sfinita non ha altre risorse e altri premier da spendere. Non abbiamo quasi piu’ nulla da perdere. Forse Berlusconi puo ‘ riprovarci senza paura di provocare altri guai. Visto che x Bersani il problema principale sono le unioni gay…

  • IL GRAN RITORNO

    Mi chiedono: cosa pensi del ritorno di Berlusconi? Il solito, in democrazia, quella usi a sbattere in faccia agli altri, i numeri hanno il loro peso, ci si conta e poi si decide.
    Certo, tornasse, vincesse, si decidesse una buona volta a non limitarsi ai lamenti sui comunisti cattivi, che ci sono, ma non tali da impedirgli di governare.
    Trovi la forza di dire ai suoi, i nostri, se siete qui in Parlamento è per votare ciò che abbiamo promesso agli elettori. Giocate ancora una volta a nascondino, tutti a casa, subito.
    A lasciarlo nella Storia, vale più una decisione del genere che non tutte quelle non prese in vent’anni……

    Cremona 17 07 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Ftw

    Una volta va bene….. la seconda vabeh non c’è di meglio…. la terza sia mai la volta buona visto che casini e’fuori dalle balle………ma ridare fiducia per la quarta volta a uno che al telefono con lavitola ha dato della culona inchiavabile alla Merkel, mi sembra un tantino da cerebrolesi! Che poi qualcuno può anche essere d’ accordo sulla Merkel…. Ma stare al telefono con uno come lavitola…. ti dice tutto di che razza di statista stiamo parlando!

    • sandra

      Hai ragione. Molto meglio Bersani. Europeo di Bettola, statista ex comunista, pro- unioni gay : un vero toccasana x un paese in crisi.

      • Ftw

        Io sono per il commissariamento vero e proprio…. o ancora meglio un bel protettorato da parte di qualunque nazione di buona volontà che abbia il coraggio di far tornare gli italiani a lavorare!

  • Ftw

    è arrivata la censura?

    • sandra

      C’ e’ il solito vecchio trucchetto. Basta lasciare uno spazio tra una lettera e l’ altra e non c’ e’ software censore che tenga. E poi non si possono censurare le espressioni gergali della lingua parlata. Sarebbe come infilare le mutande al David in piazza della Signoria.Vabbeh che coi tempi che stiamo vivendo ci si puo’ aspettare di tutto…anche se personalmente credo che le uniche censure da applicare siano verso quei personaggi che godono di appannaggi pubblici esorbitanti ( stipendi, pensioni, indennita’) e non provano un briciolo di vergogna, anzi…

  • Aggiornamento da Parigi (per quel che vale): Ibrahimovic, sbarcato nella capitale francese, ci ha consegnato il suo epitaffio:” Ciao Italia, da voi non c’è futuro” (titolo a 12 colonne sulla rosea di oggi, giovedi 19 luglio). Chissà se queste sberle aiuteranno. (e.p.)

  • Gianluca

    Uno puo’ “scendere in campo” quando vuole per carità, c’e’ la democrazia e di certo non lo si puo’ impedire.
    Se la destra oggi si sente rappresentata da quest’uomo che è chiaramente ossessionato dal sesso, che elargisce soldi a donne quanto meno discutibili, che ha alle spalle decine di processi e con la stragrande maggioranza si assoluzioni dovute a scadenze dei termini, che ha nel modo di porsi e di comunicare una matrice imprenditoriale e commerciale, bè devo dire che siamo proprio alla frutta…
    Poi comunque ci sarà un voto. Ed è qui che si dovrà ragionare.
    Se l’Italia sarà ancora in mano a quest’uomo, vorrà dire che l’Italia è fatta per quest’uomo. Vorrà dire che la maggior parte dei ns concittadini si identifica in lui o è come lui o ha interesse che sia in mano a lui.
    Vorrà dire che per questa nazione non c’e’ speranza.

  • Ftw

    Certo che se anche uno il cui unico merito e’ di trovare sempre dei coglioni disposti a dargli milioni di euro l’anno per giocare a pallone diventa il termometro dei mali italiani e ci sono pure dei media che chiamarli giornali e pura bestemmia disposti a dargli credito allora mi auguro che in Francia gli facciano pagare veramente le tasse che dicono!

  • elia

    tornerà in campo e convincerà bossi il figlio e la rosi mauro a fare un nuovo partito al fine di diventare il primo partito del nord……..dei pirla.