2 Commenti

Ferragosto, molte famiglie restano a casa

cremona-dall'alto

Partenze di ferragosto, tra week-end lunghi e mare “mordi e fuggi”. Eppure quest’anno 4 milioni di lombardi restano a casa. In quasi tutte le province lombarde sono in aumento le famiglie che scelgono di non partire per le ferie estive: a Monza e  Brianza e a Milano, dove comunque i vacanzieri superano la media lombarda, resteranno in città più persone rispetto allo scorso anno (dal 31% al 33% e dal 32% al 40%).
Complessivamente le vacanze 2012 dei lombardi valgono 3 miliardi di Euro, con una spesa media a famiglia che supera i 1.150 Euro. Per chi parte l’estate è all’insegna delle abitudini: quest’anno, il 67% non cambia rispetto ad un’estate fa, e chi parte, per i budget ridotti, sceglie vacanze più brevi e all’insegna del low cost: 1 famiglia lombarda su 5 non rinuncia alla partenza ma abbassa i costi, riducendo la durata del soggiorno (9%), scegliendo soluzioni più economiche (8%) o rimandando la data delle ferie nei periodi di bassa stagione (2%). E scegliendo soggiorni più brevi, o in campeggio, si può risparmiare in media a famiglia circa 600 Euro, circa 100 Euro in più dello scorso anno. Ma tra le famiglie lombarde a basso reddito solo 2 su 5 vanno in vacanza, e quelle che riescono ad andare spendono poco più di 900 Euro. Sono i giovani che, pur di non rinunciare, si dimostrano i più disponibili ad adattarsi a soluzioni alternative (26%), magari in campeggio, riducendo la durata della vacanza oppure optando per la bassa stagione, spendendo poco più di 1.100 Euro. è quanto emerge dalla indagine “Le famiglie, i saldi e l’estate. Monza e Brianza e Lombardia”, realizzata dalla Camera di Commercio di  Monza e Brianza, con il coordinamento scientifico di Ref-Ricerche e in collaborazione con DigiCamere.
In molte province lombarde sono in aumento le famiglie che scelgono di non partire per le ferie estive: a Monza e  Brianza e a Milano, dove comunque i vacanzieri superano la media lombarda, resteranno in città più persone rispetto allo scorso anno (dal 31% al 33% e dal 32% al 40%). D’altra parte i milanesi e i brianzoli sono anche i più disposti ad adattarsi, scegliendo formule più economiche come il campeggio, riducendo il soggiorno o scegliendo la bassa stagione (rispettivamente il 21% e il 24%). Il budget destinato alle vacanze supera comunque la media lombarda (1.150), sia a Milano (1.310 Euro), che a Monza e Brianza (1.164 Euro), così come a  Bergamo (1.253 euro).  A Brescia si rinuncia di più alle vacanze: resta a casa il 55%, e per chi parte il budget è “risicato” (1.027 Euro), così come a Varese (1.060 Euro). è quanto emerge dalla indagine “Le famiglie, i saldi e l’estate. Monza e Brianza e Lombardia”, realizzata dalla Camera di Commercio di  Monza e Brianza, con il coordinamento scientifico di Ref-Ricerche e in collaborazione con DigiCamere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • FERRAGOSTO
    Servizio quasi completo di http://www.cremonaoggi.it: molte famiglie restano a casa. Manca la sintesi. Dopo anni che Istituzioni, Enti, Associazioni e Potentati, uomini e donne di cultura e analfabeti, chiunque in grado di emettere suoni, ripetono che Cremona è città di turismo per violini, Po, Chiese, preti e Musei, eccellenze agroalimentari, i cremonesi ne prendono atto e godono restando! e senza spendere!

    Cremona 10 08 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • Attilio Regolo detto Gandhi

      Mi piace