13 Commenti

Arrivano gli alpini a salvare S. Agostino A settembre l'accordo con il Comune Malvezzi: "Un'azione anche educativa"

alpini-sant-agostino

Arriveranno gli alpini a salvare piazza S. Agostino, rovinata da scritte su muri e panchine. L’ipotesi è in fase di elaborazione da parte del Comune dopo numerose polemiche dei cittadini sul degrado della ‘piazzetta’ che fa da sfondo alla chiesa del XIV secolo, meta di turisti perché ospita uno splendido dipinto del Perugino del 1494 (Madonna col Bambino in trono tra i santi Giovanni evangelista e Agostino) e sullo stato di abbandono della scuola Capra Plasio colpita dall’azione dei vandali. “La pulizia di piazza S. Agostino da parte dei nostri alpini – ha detto il vicesindaco Carlo Malvezzi – farà parte probabilmente di una serie di azioni per il recupero del decoro urbano, per la manutenzione e la pulizia di alcune aree della città. L’accordo è in fase di definizione ma siamo già a buon punto”. Un’attività assolutamente gratuita che, di volta in volta, verrà applicata a spazi individuati dall’amministrazione. “Un’azione volontaristica – ha continuato Malvezzi – fatta da persone che hanno sempre dimostrato attaccamento alla città”. Il Comune e la sezione cremonese degli alpini stanno lavorando alla bozza del protocollo che dovrebbe essere pronto entro la prima decade di settembre. L’8 settembre, infatti, gli alpini si incontreranno per discutere degli aspetti operativi. Intanto, i tecnici del Comune stanno già verificando le aree cittadine da inserire nel piano di azione. Il materiale (pennelli e pittura) verranno forniti dal Comune, mentre la manodopera sarà degli alpini, supervisionati dai tecnici comunali. “L’intenzione – ha concluso il vicesindaco – è quella di iniziare dalla scuola Capra Plasio anche per un valore simbolico di natura educativa. Successivamente, gli alpini potranno operare in altre piazze o su eventuale arredo urbano deturpato dalle scritte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • patrizia

    Sono felicissima per questo accordo tra il Comune e gli Alpini. Con gente come loro tutto andrà a sicuramente a posto e sarà una bella lezione per molti.
    Ma se per gestire l’ordinaria amministrazione servono gli Alpini, beh, ai dipendenti comunali preposti a questo genere di interventi cosa facciamo fare?
    E se per tenere in ordine la città dobbiamo ricorrere a chi lavora gratis, siamo proprio messi bene. Dimenticavo, ci sono i dirigenti da premiare….

    • il profeta

      brava patrizia,i soldi servono per i dirigenti la casta di secondo livello e quindi invece che punire chi sporca, si fa pulire agli alpini, povera Cremona che pena……-

    • germana

      stavo per scrivere un commento simile evito di ripetere e mi associo. Un GRAZIE riconoscente agli alpini, ma tanto sconforto per la rincorsa al lavoro gratuito dei volontari da parte di una amministrazione pubblica a cui paghiamo non poche imposte e tasse …… dalle stelle alle stalle, e poi ancora giù 🙁

      • Poldo

        C’è da dire che paghiamo tutti (a caro prezzo) l’inciviltà di pochi, il falso buonismo del “ma cosa volete farci, sono ragazzi…” e l’errata equiparazione imbrattatori = pseudoartisti.

  • Giovanni Baldesio

    E tu Comune (da: e tu Austria)

    Quanto sporco e muri imbrattati,

    quanto lercio è sparso per terra.

    Ma noi alpini sul campo di guerra

    giammai nessuno fermarci potrà

    Al comando dei nostri ufficiali

    carichiam pennellesse e mitraglia;

    e se per caso il colpo si sbaglia,

    col pennellino all’assalto si va.

    E tu Comune, che hai tanti soldi,

    fatti avanti se hai del coraggio:

    se il Dirigente in ferie lascia il passaggio,

    noialtri alpini spronartii saprem.

    E tu Comune non essere ardito

    di rovinare d’Italia i giardini,

    che nelle piazze ci sono gli Alpini,

    che giu’ dalla sedia ti fanno saltar!

    E tu Comune che sei ben nascosto

    fatti avanti se hai del coraggio;

    e se il Dirigente ti chiede il pedaggio,

    noi altri Alpini farti vergognare saprem.

    Varcheremo le mura di Cremona

    coi pennelli per ben caricati;

    e di rinforzo ci sta i richiamati.

    Tutta Cremona faremo brillar!

    Al comando dei nostri ufficiali

    caricheremo pennellesse e mitraglia;

    e se per caso il rullo si sbaglia,

    il pennellino faremo rotear.

    Un saluto agli Alpini.
    Che almeno alla fine il Comune offra una mega bevuta con concerto di cori, sotto le ultime stelle dell’estate.

    Ciao Veciii
    e…
    I DUR, DURA!

    • germana

      anche per mandare via i “dirigenti” politici inclusi ?

  • CHI ROMPE PAGHI
    Carletto Malvezzi prende uno dei tanti torelli di Cremona per le corna e trova la soluzione per pulire Piazza S. Agostino: l’opera volontaria degli Alpini.
    Grazie a tutti, specialmente agli Alpini.
    Però m’è rimasta una piccola parte d’anima da burocrate. Il materiale, pennelli e pittura, lo anticipi pure il Comune, ma che si impegni anche a rintracciare gli sporcaccioni.

    Cremona 25 08 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Mauri

    Onore …. Tanto di cappello ….. E Penna dritta ….. un Grazie e un abbraccio forte ALPINI !!!!

  • patrizia

    Cari Alpini, ci voleva il vostro onore per prendere in mano la situazione. Un suggerimento: visto che vi piace andare in missione, da che vi siete messi una mano al cuore per aiutare questo Comune in affanno, fate un giro nei centri sociali, nei bar, negli oratori, per le strade a spiegare che la rivoluzione si compie con la civiltà, il senso sociale, il proprio impegno. E tutti vedranno quanta morale c’è nella scopa e in una cazzuola.

    • Davide

      Sono d’accordo con te, brava.

  • il profeta

    brava patrizia,i soldi servono per i dirigenti la famosa casta di secondo livello, e quindi invece che punire chi sporca, si chiede di pulire agli alpini, povera Cremona che pena……-

  • FABIANO

    i famosi writers sono solo dei deficenti che dopo essersi ubriacati e magari fumato un spinello vanno in giro a dimostrare da che razza d famiglie provengono. D’altra parte basa guardare ai giardini pubblici quanti ragazzi si siedono mettendo i piedi sulle panchine per capire da che razza di famiglie disgraziate provengono. Basterebbe dare il permesso ai padroni dei muri che vengono lordati di sparare a chi vedono fare lo zozzone

  • Agostino

    Tanto lavoro inutile, la tinteggiatura della facciata era già stata fatta nel 2009 ma nessuno ha evitato che si sporcasse di nuovo, senza scomodare gli alpini andrebbero beccati i geniali artisti e costringerli a ripulire.
    http://img688.imageshack.us/img688/1328/capraplasio1.jpg
    http://img577.imageshack.us/img577/5912/capraplasio2.jpg
    http://img401.imageshack.us/img401/6383/capraplasio3.jpg