4 Commenti

Indagato per omicidio il 27enne, donati cornee e tessuti della coppia

inc

E’ indagato per omicidio colposo plurimo il 27enne di Castelvetro che nella serata di venerdì ha tamponato l’auto di Giovanni Rossi, commercialista, e Annamaria Bernardi, cotitolare di una tabaccheria di via Dante, provocando un incidente che ha ucciso la coppia. Le condizioni del ragazzo risultano ancora gravi, anche se non è in pericolo di vita. In attesa di conoscere i risultati degli esami, per sapere in che condizioni si trovava al volante, i militari dell’Arma di Monticelli stanno ricostruendo la sua serata fino al momento dell’impatto. I famigliari di Giovanni e Annamaria, intanto, seguendo le volontà dei due, hanno dato l’ok per l’espianto degli organi. E’ stato possibile prelevare cornee e tessuti. I funerali sono stati fissati per mercoledì, alle ore 9, a Sant’Abbondio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Quaqquaraqquà

    Colposo? E perchè non espiantare gli organi anche di questo scemo? E’ ancora vivo? E chi se ne frega! Coi nostri soldi stiamo tutti pagando le cure a questo schifoso!

  • Sentinella

    Con la legge attuale gli viene contestato il reato di “omicidio colposo” sul quale un buon legale ha molte possibilità di “giocare”.Se incensurato,tra patteggiamenti vari,attenuanti generiche e relativi sconti di pena, non passerà un solo giorno in carcere e fra un paio di mesi lo vedremo ancora alla guida. La proposta di modifica del Codice penale per l’introduzione del reato di “omicidio stradale” con arresto immediato e sospensione a vita della patente è stata cassata dall’attuale governo tecnico. Il ministro della Giustizia, Paola Severino, ha letter almente smontato la proposta e”freddato” le speranze di molte vittime della strada.

    Questa è l’Italia ……la patria del diritto !!!

  • Viviamo in un paese dove, a volte, ti sembrerebbe quasi legittimo fare delle battute su un aborto spontaneo.
    La ribellione sarà silenziosa.

  • Stefano Bocci

    Purtroppo ci sono varii precedenti, di delinquenti simili lasciati in libertà! Qui uno: http://affaritaliani.libero.it/
    Ricordiamo anche quello che qualche anno fa, guidando ubriaco fradicio, ha ucciso quattro ragazzi poco dopo il Bennet; credo che non abbia fatto neanche un giorno di galera.