Commenta

Terzo ponte, ancora nessuna risposta all'Ue dall'Italia

Terzo-ponte-2

Zanoni

“La Commissione europea ha chiesto alle autorità italiane informazioni dettagliate sulla valutazione dell’impatto del progetto ‘Terzo ponte’ su diversi siti Natura 2000”. E’ la risposta del Commissario Ue all’Ambiente Janez Potočnik all’interrogazione di Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV, sulla costruzione del Terzo Ponte a Cremona. “Ad oggi, la Commissione non ha ricevuto comunicazioni in merito all’attuazione delle disposizioni dell’articolo 6, paragrafo 4, della direttiva Habitat”, si legge. Zanoni: “I controlli circa l’osservanza della direttiva Habitat incombono innanzitutto alle autorità nazionali”.

Il faraonico progetto del Terzo ponte, il nuovo raccordo autostradale della A21 tra Castelvetro Piacentino (Pc) e Cremona, concepito ben 22 anni fa, si trova da tempo al centro di forti critiche e ben tre ricorsi amministrativi al TAR del Lazio perché considerato inutile e di forte impatto ambientale. “La costruzione del Terzo ponte comprometterà tre siti SIC e zone ZPS della Rete Natura 2000 (Spiaggioni, Spinadesco e Rio Boriacco), 300 ettari di aree golenali e zone agricole integre, l’interruzione del corridoio ecologico fluviale e la devastazione dell’Isola del deserto, una delle più antiche del Po”, afferma Zanoni, membro della commissione ENVI Ambiente, Salute pubblica e Sicurezza alimentare al Parlamento europeo.

“Tuttavia la Commissione fa presente che i controlli sull’effettiva violazione della Direttiva Habitat spettano in primis alle autorità nazionali. Pertanto mi auguro che chi di dovere faccia tutto il possibile per verificare il reale impatto dell’opera e prevenire un disastro ambientale annunciato”, aggiunge l’Eurodeputato che contesta anche l’utilità dell’opera stessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti