Commenta

In tutte le parrocchie si celebra la "Giornata per la Scuola"

scuola

Domenica 16 settembre in tutte le parrocchie della diocesi di Cremona si celebra, per la prima volta, la “Giornata per la Scuola”. L’iniziativa, secondo le indicazioni espresse dal Vescovo Lafranconi nelle linee pastorali, mira a «richiamare l’attenzione educativa della comunità ecclesiale e civile sulla scuola, riportando al centro dell’attenzione bambini, ragazzi, adolscenti e giovani che non possono prescindere nella loro crescita dall’esperienza scolastica. In questo modo la comunità accoglie la sfida educativa che proviene dalla scuola e riscopre l’identità propria di coloro, alunni e insegnanti in primo luogo, che vi sono impegnati, offrendo riflessione, occasioni di confronto e preghiera»
Quest’anno la celebrazione sarà esclusivamente incentrata sul piano liturgico, ma nelle prossime edizioni (in calendario sempre la terza domenica di settembre) prevederà anche momenti formativi per tutti i soggetti implicati nella scuola (alunni, genitori, insegnanti), in collaborazione con le diverse associazioni ecclesiali. Nei centri dove sono operanti poli scolastici o istituti scolastici comprensivi, coi quali si sono costruite relazioni di collaborazione, si progetteranno anche occasioni di riflessione e di confronto pubblico con la comunità civile rendendo ancora più evidente che la finalità della giornata riguarda tutti e non solo i credenti.

Il manifesto “Pensare e progettare la scuola” venerdì al Centro pastorale
Alla vigilia di questo importante appuntamento, le associazioni professionali dei docenti presenteranno il manifesto “Pensare e progettare la scuola”, redatto a livello regionale. L’appuntamento è per il pomeriggio di venerdì 14 settembre (ore 17) presso il Centro pastorale diocesano di Cremona (via S. Antonio del Fuoco 9A). Interverranno: Silvio Colombini (segretario generale CISL Scuola), Mariasilvia Mussi (insegnante e presidente provinciale UCIIM), Giancarlo Sala (dirigente scolastico e membro di DIESSE Lombardia). Coordinerà i lavori Maria Disma Vezzosi, insegnante e presidente regionale AIMC.
Il manifesto è frutto di un confronto, partito nell’autunno 2011, di un gruppo di docenti, dirigenti scolastici e formatori – persone impegnate nell’associazionismo sindacale e professionale – sulla condizione presente del sistema educativo nazionale. Preso atto del difficile cammino verso l’innovazione e le riforme di tale sistema, questo gruppo si è assunto direttamente responsabilità di riflessione, di formazione personale e di proposta, fuori e dentro le scuole. Il Gruppo, caratterizzato da un comune riferimento al pensiero della Dottrina sociale della Chiesa, propone un percorso di ricerca, elaborazione e impegno su diverse direttrici: la condizione di lavoro del personale nella scuola, lo sviluppo professionale della figura docente, i meccanismi istituzionali della formazione iniziale e dell’assunzione del personale docente, il destino delle autonomie scolastiche.

Il Convegno diocesano
Altro importante appuntamento il Convegno pastorale diocesano del 29 settembre in Seminario con il prof. Giuseppe Mari, docente di Pedagogia generale all’Università Cattolica di Milano, che offrirà una riflessione sul tema: “Riscoprire la dimensione educativa e vocazionale della scuola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti