Cronaca
Commenta6

Sfregiata con vernice spray la Madonna del fiume di Robecco

E’ stata sfregiata la statua della “Madonna delle vittime del fiume” in località Colonia di Robecco d’Oglio. La statua, collocata all’interno di una santella-cappelletta, è stata sporcata con uno spray di colore blu da ignoti che si sono pure impossessati di diverse corone del rosario poste tra le mani della stessa.

Il viso è la parte più oltraggiata dalla vernice. Si pensa che non si tratti di una bravata ma di un gesto blasfemo volutamente compiuto in atto di spregio alla Madonna la cui statua, da qualche anno, ha trovato posto in una zona ben curata ornata da piante  e da fiori. La santella, a forma di nicchia, accoglie al proprio interno la scultura rappresentante Maria. Sullo sfondo ci sono, dipinti, i campanili della chiesa parrocchiale dei Santi Giuseppe e Biagio di Robecco  e della chiesa abbaziale dei Santi Tommaso e Andrea apostoli  di Pontevico.

La cappelletta appartiene ad una devozione sentita pur essendo stata costruita pochi anni fa. La sua intitolazione vuole ricordare tutte le persone che hanno perso la vita nel fiume.

Fino ai primi anni Settanta del Novecento, l’Oglio era considerato “il mare dei poveri”,  una località per passare l’estate. Sulle rive delle varie località che si affacciano sullo stesso si contavano decine e decine di bagnanti che intercalavano l’abbronzatura alle acque fresche del fiume. Questo, ad esempio, a Soncino, Castelvisconti, Quinzano d’Oglio, Robecco-Pontevico.

Annegati, registrati nei registri parrocchiali o nella memoria di quanti sono nati presso le sue sponde, se ne contano molti. Secondo quanto tramandato dagli anziani, il fiume Oglio tutti gli anni portava via almeno una vittima. Tutti i paesi  lambiti dalle sue acque piangono gente, specie ragazzi, travolti dalle sue acque. Presso la Colonia di Corte de’ Cortesi un monumento ricorda la scomparsa di un ragazzo. Altre croci si trovano nel cuore e nella mente delle famiglie colpite dalla disgrazia.

La cappelletta di Robecco, presso la quale viene celebrata un’apposita messa, vuole ricordare tutte le vittime del fiume. Ai piedi della stessa è stata posta un’epigrafe di marmo che reca incise la dedica e le parole di un salmo (69,15):  ‘Alle vittime del fiume. “Liberami dai miei nemici e dalle acque profonde”.

Angelo Locatelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti