16 Commenti

Giovane aggredita in via Robolotti, all'origine motivi personali

car-ev

Aggressione in via Robolotti intorno alle 13 di domenica. Un uomo, un nordafricano, ha avvicinato una ragazza italiana di 26 anni in strada, minacciandola con un coltello. L’ha strattonata e ha cercato di tagliarle la maglietta. Poi, è fuggito. La ragazza, soccorsa dal 118, è stata trasportata all’ospedale in codice verde, dunque con lezioni lievi, ma sotto shock. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri, ancora impegnati nelle ricerche dell’uomo. In un primo momento i militari non hanno scartato alcuna ipotesi: dal tentativo di rapina, all’aggressione sessuale, al regolamento di conti. Con il passare delle ore, però, sarebbero stati acquisiti maggiori elementi che fanno credere che i due si conoscessero. Sembra, dunque, che le cause dell’aggressione siano da attribuire a motivi personali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • maurizio

    via tutti gli extracomunitari!!!!

    • Trottalemme

      Via tutti gli italiani come te!

  • Alessandro

    Andate alla Casa dell’accoglienza, profughi, clandestini, richiedenti asilo, tutto il giorno a bivaccare e a cazzeggiare. La guerra della primavera Araba è finita da un pezzo, quando li rispediamo a casa loro?O questo Governo farà l’ennesima deroga?
    Alla Chiesa fan comodo questi 40 euro al giorno che noi cittadini gli doniamo per mantenere questi nullafacenti!
    Che schifo!
    PRIMA I CREMONESI!

  • roby27

    40euro al giorno????e pensare che io non becco lo stipendio da 2 mesi!
    quasi quasi cambio cittadinanza,visto che io 40 euro al giorno,da italiano,me li scordo!bisognerebbe prima pensare alle famiglie italiane in crisi,che a sti personaggi ospitati dalle varie caritas a spese nostre!ma che almeno vengano amntenuti dai preti e dalla chiesa romana!

    • Trottalemme

      OK, vai a vivere in Burkina Faso e togliti dalle palle!

  • Filippo

    Effettivamente la Casa dell’Accoglienza si è trasformata in un bivacco..ogni volta che cerco parcheggio non mi azzardo a lasciare la macchina in quella zona!purtroppo la maggior parte di loro non ha proprio voglia di lavorare..vuole soldi facili e noi in Italia glieli diamo

    • roby27

      basta fare un paragone assai facile,almeno x chi non ha le fette di salame sugli occhi..vedi come sono vestiti..robe di marca..scarpe nuove,di marca,ovvio,sigaretta sempre accesa,cellulari ultimo modello..
      e vedi se un disoccupato o padre di famiglia da 1200euro al mese può permettersi quelle cose..penso proprio di no,visto che ormai se si va a fare spesa,si sta attenti anche ai centesimi,viste le spese che si hanno fra bollette,tasse,affitti,mutui,ecc ecc…

      • Trottalemme

        Si vestono con le cose scartate da te e dai tuoi simili, sempre pronti nel privato a fare della facile beneficenza (per liberare gli armadi) e in pubblico (naturalmente nascosti dietro pseudonimo) a scrivere le caz**** che scrivi tu…

  • italiana

    Ma questi due hanno litigato magari per gelosia e qui dilaga il solito odio razziale? Ma davvero siete convinti che la vita di un extracomunitario in Italia sia così facile? Dite la verità: fareste cambio?

    • roby27

      bè,se mi danno 40 euro al giorno per non fare un cazzo,due pasti,e pure da dormire,io ci sto!

      • italiana

        Ma dove l’hai sentita questa????? Ma ti pare che ci siano le risorse per una spesa del genere? Ma per piacere…

        • Trottalemme

          Infatti è, una delle tante bufale che alimentano il razzismo di questi nostri degni concittadini!

        • Alessandro

          Si vede che è italiana, ma dove vive??!!
          Ogni giorno, a noi cittadini contribuenti, i profughi-clandestini del Nord Africa, costano dai 35 ai 46 euro AL GIORNO!
          Lei ha fatto una domanda lecita: pare che ci siano le risorse per una spesa del genere?
          La risposta è sì.
          Per i clandestini ci sono, per i siciliani ci sono ( appena stanziati 1400000 euro per coprire il buco di bilancio), per i cremonesi NO!!!
          Dal sito: http://www.lavoce.info/articoli/-immigrazione/pagina1002950.html
          Infine l’aspetto economico, tutt’altro che secondario. Fin dall’inizio fu fissata una diaria giornaliera di 40/46 euro, superiore a quella del sistema ordinario di accoglienza dei richiedenti asilo (sistema Sprar) di 35/40 euro . Il sistema di convenzioni con gli enti gestori e soprattutto il noleggio delle navi hanno inciso notevolmente.
          La Protezione civile ha quindi stimato i costi per il 2011 in circa 700 milioni di euro, che però sono destinati ad aumentare notevolmente nel 2012 considerando dodici mesi complessivi di ospitalità (nel 2011 sono stati mediamente sette) e saranno finanziati con l’aumento delle accise sui carburanti.

          E il Governo dei professori che ha fatto? Ovviamente, anzichè rispedirli nel loro Paese, così come stabilito per legge, ha fatto una deroga sulla loro presenza fino a Dicembre di quest’anno. E sembra che a Dicembre ce ne sia un’altra!

          Che schifo!
          PRIMA I CREMONESI!

          • Trottalemme

            Il punto è quindi: che senso ha prendersela con gli immigrati dal momento che la causa di quanto accade è imputabile ai governi che si sono succeduti in tutti questi anni?
            Lo schifo che provo nel leggere certe prese di posizione razziste è pari alla pena che mi fanno coloro che probabilmente hanno votato in tutti questi decenni proprio i politici che hanno ideato e promulgato queste leggi… Magari sono anche dei ferventi cristiani della domenica, sempre pronti a fare la carità al singolo incontrato per strada e fustigatori (anonimi)dell’immigrazione (tutta).
            Oltre tutto la notizia in sé riguarda un fatto di cronaca nera e non c’entra proprio nulla con il tema (a malo modo) sollevato (le politiche di accoglienza).

          • Alessandro

            Il problema sono le politiche europee, chi (Ministro Maroni)si è permesso di caricarli su un aereo e rispedirli a casa loro in un secondo, si è beccato una procedura di infrazione dalla Comunità europea.
            Allora si è passati ai respingimenti con accordi bilaterali (accordo di Maroni con Libia e Tunisia) e gli sbarchi in un anno sono diminuiti del 96%.
            Poi è iniziata la Primavera Araba, gli accordi bilaterali sono saltati, e l’invasione è ricominciata.
            C’è la guerra, sono profughi, richiedono Asilo politico e, quindi, le leggi europee non permettono il respingimento.
            Dopo tot mesi sarebbero dovuti tornare nei loro Paesi ma, il Governo Monti, ha derogato la loro presenza ancora fino a fine anno!
            Adesso che la guerra è finita e i respingimenti si possono mettere in atto, gli sbarchi sono ricominciati, nel silenzio dei mass media.
            E noi paghiamo! Gli esodati invece si possono buttare giù da un ponte e i Comuni non hanno soldi per svolgere i loro servizi!

            PRIMA I CREMONESI

          • italiana

            Esiste un fondo europeo ad hoc che rimborsa i costi sostenuti. Il Progetto SPRAR prevede un inizio ed una fine, ed è vincolato al rispetto di determinate regole. Se lei vuol dare la colpa della nostra situazione ecoomica agli immigrati invece che a chi è realmente responsabile, faccia pure. Tanto non sono io che ho bisogno della loro manodopera sottopagata…