Un commento

Tavolo sull'aria, gli amministratori: 'Azioni comuni'

tavolo-aria

Riunione questa mattina, all’Assessorato per le Politiche Ambientali, degli amministratori dei Comuni firmatari del Protocollo d’intesa, siglato il 31 gennaio 2012, per interventi condivisi e coordinati volti a contrastare l’inquinamento atmosferico.

All’incontro, presieduto dall’assessore Francesco Bordi, affiancato da Cinzia Vuoto, responsabile del Servizio Ecologia del Comune di Cremona e dal vice comandante della Polizia Locale Pierluigi Sforza, e al quale hanno partecipato il sindaco di Spinadesco Ferruccio Peccati,il sindaco di Gerre de’ Caprioli Silvio Guereschi,il sindaco di Castelvetro Piacentino Francesco Marcotti ed il sindaco di Bonemerse Luigi Guarneri, si è discusso  dell’opportunità di rivedere i termini dell’accordo per contrastare il fenomeno dell’inquinamento atmosferico dell’aria da polveri sottili (PM10).

E’ stata in particolare valutata l’opportunità di mantenere, tra le misure individuate nel Protocollo del 31 gennaio 2012, quella che prevede il blocco del traffico dopo un determinato numero di superamenti  della soglia di concentrazione giornaliera di 50 μg/m3 di PM10. Questo sia in considerazione degli effetti misurati sulle concentrazioni degli inquinanti atmosferici in occasione dell’attuazione dei blocchi, sia delle indicazioni emerse dal PRIA ( Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell’Aria ), approvato in questi giorni dalla Regione Lombardia. E’ da tenere presente che il piano regionale non indica il blocco del traffico come azione efficace tra le tante azioni proposte. L’assessore Francesco Bordi ha dichiarato che ritiene comunque utile, a scopo educativo e culturale, bloccare l’accesso  delle auto al centro cittadino in occasione di grandi eventi.

Dal canto loro i sindaci hanno ribadito la necessità di condividere le iniziative da intraprendere a livello territoriale più ampio, e, in questo contesto, il Comune di Cremona si è impegnato a comunicare le azioni già avviate o di prossima attuazione mirate al risparmio energetico degli edifici ed al contenimento dell’inquinamento atmosferico. Tra queste, oltre alle azioni già rese note e contenute nel nuovo Regolamento Edilizio, una serie di iniziative da attuare sugli edifici pubblici, in particolare su alcune scuole, ed altre da realizzare in collaborazione con i cittadini. Gli amministratori sono stati messi al corrente dell’istituzione, a Cremona, del car sharing ecologico, inaugurato in mattinata, come proposta di mobilità alternativa al mezzo privato: l’iniziativa ha suscitato molto interesse da parte di tutti i presenti-

Al termine della riunione i sindaci si sono impegnati a condividere, dove possibile, tali proposte che verranno successivamente inserite nel protocollo d’intesa già siglato e che prevedeva comunque azioni virtuose da attuare a tutela della qualità dell’aria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Bloccare il traffico cittadino in centro a scopo educativo e culturale in occasione dei grandi eventi……ma non era di qualche giorno fa la notizia dei parcheggi “accattivanti” per le festività natalizie “posteggi due ore, ne paghi una”? A scopo educativo e culturale proporrei innanzitutto di chiamare le cose con il loro nome: inceneritore e non termovalorizzatore, inceneritore non produce un’energia rinnovabile, le centrali a biomasse legnose non sono investimenti sostenibili, il “porta a porta” è conveniente, l’umido nel sacco nero è fuori legge.