4 Commenti

Treni in ritardo Pendolari: 'Vergogna' Trenord: il freddo non c'entra

treni-neve

AGGIORNAMENTO – Problemi sulla linea Mantova-Cremona-Milano (e non solo, anche su altre linee regionali) dopo una domenica di disagi terminata con il treno 2661 (Milano Centrale 18.20 Mantova 20.19) in ritardo di un’ora per intoppi nella preparazione del treno. Nella mattina del rientro minuti in più per i treni di punta del mattino. Il 2650 si è fermato a Lodi e ha fatto registrare 37 minuti di ritardo. Disagi anche sul precedente 2648 (da Cremona alle 6.48) che è entrato a Centrale mezz’ora più tardi dell’orario previsto e sul successivo 2652 (delle 9.30 da Cremona) con 22 minuti di ritardo. E la protesta dei pendolari sale. “Vergogna – scrivono i viaggiatori sui social network – Da quanto tempo sulla i Vivalto sono stati sostituiti da treni stravecchi semplicemente ripellicolati e ancora malfunzionanti?” oppure “Ma stamattina è esplosa la rete ferroviaria?” o ancora “Il treno per Milano centrale delle 6.58 da Cremona una scatola di sardine!”.
“La causa – ha informato Giuseppe Biesuz, amministratore delegato Trenord, intervenendo all’inaugurazione della nuova linea Saronno Seregno – e’ stata individuata nel malfunzionamento del nuovo sistema informatizzato di programmazione e gestione dei turni del personale, entrato in funzione proprio ieri (domenica, ndr), in concomitanza con l’entrata in vigore del nuovo orario invernale, che prevede l’introduzione di circa 140 tra nuove corse e prolungamenti di linea, e della nuova turnazione introdotta con il contratto aziendale efficace dallo scorso primo dicembre”.
I tecnici informatici di Trenord sono al lavoro ininterrottamente da domenica sera e si conta il ripristino della normalità nella giornata di martedì. Biesuz ha infine annunciato che martedì sono state convocate tutte le rappresentanze sindacali per l’analisi della situazione e per l’adozione degli opportuni provvedimenti. Trenord si scusa con i clienti per i disagi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Luke

    Suggerirei una visita al sito blablacar.it per avere qualche valida alternativa visto il servizio infame delle FS!

  • Vecchio Balordo

    I “poteri forti” della città non vogliono che Cremona sia collegata con Milano.
    Non lo vuole l’industria (Arvedi in primis), non lo vogliono gli agricoltori.
    La colpa quindi è solo in parte di trenitalia o chi per essa.
    E’ una decisione “politica”

    • Mat

      Ahahahahahahahahahaha!!!

  • ciao

    non per niente tutte le tradizionali forze politiche se ne fregano dei pendolari