Un commento

Operatori del Comune senza contratto, Pd: 'E' questo il nuovo welfare?'

mediatori-comune

Sette operatori dei Servizi Sociali (assistenti e mediatori) del Comune di Cremona a casa da gennaio 2013. Mentre continuano ad arrivare lettere di solidarietà, le consigliere democratiche Maura Ruggeri e Caterina Ruggeri intervengono sul tema: “Molti cittadini, in questi anni – dicono – hanno conosciuto in forma diretta il valore del lavoro di mediazione sociale e culturale, lo hanno conosciuto coloro che si sono rivolti allo sportello immigrati, coloro che l’hanno sperimentato nel rapporto con i servizi sociali del Comune, lo hanno conosciuto gli inquilini degli alloggi comunali”.
“Anche l’Assessore ai servizi sociali – continuano Maura e Caterina Ruggeri – in più occasioni, in Commissione ed in Consiglio, aveva tenuto a ribadire il valore e la necessità della mediazione culturale e sociale che, a suo dire, doveva vedere lo sviluppo di una nuova progettualità. Tuttavia, di  questa nuova progettualità, per ora, non si vede traccia, mentre assistiamo alla riduzione dei servizi di mediazione ed al mancato rinnovo dei contratti di personale che ormai da diversi anni lavorava con continuità presso i servizi sociali con competenza e professionalità. Come può avvenire tutto ciò nel silenzio e nell’indifferenza generale?, si chiede un gruppo di operatori sociali. Ce lo domandiamo anche noi! E’ davvero inevitabile disperdere risorse umane preziose per qualità ed il futuro dei servizi ? E’ questo il nuovo welfare?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Vecchio Balordo

    Per decenni abbiamo pagato il “welfare” e dato occupazioni facendo debiti.
    E facendo debiti siamo finiti al collasso.
    Vedo che la ricetta del PD è sempre quella di dare lavori “socialmente utili” facendo far debiti…..