13 Commenti

L'addio polemico di Bassanetti alla lista "Non c'erano le condizioni" Jotta o Malvezzi? "Né l'uno nè l'altro" Lissandrello idea di Beretta

malvezzi-jotta

Lissandrello e Bassanetti

Uno schiaffo politico. Questo è stato il “no” alla candidatura nelle liste del Pdl di Cesira Bassanetti Lameri, sindaco di San Bassano, donna tosta e combattiva. Lo dichiara apertamente all’online “L’inviato quotidiano”, di certo non ostile all’area politica del centrodestra: “Non ci sono più le condizioni per una mia candidatura”.  Aggiungendo: “Una decisione di natura politica che nasce da una valutazione attenta della situazione e di come si è evoluta la vicenda della lista del Pdl. Ho parlato chiaro con il senatore Mantovani, spiegando che non ritenevo più possibile il mio intervento”. “Sono stata ben lieta di avere avuto questa proposta. Ho valutato il contesto ho preferito non candidarmi”, dice ancora. Qualcuno sostiene che a far dire di no al sindaco sia stata la candidatura in extremis di Mino Jotta. Invitata perciò ad esprimere la sua preferenza per uno dei due candidati maschi in lista, cioè Malvezzi e Jotta, ha replicato: “Né l’uno né l’altro”.
Un giallo c’è anche sulla candidatura a sorpresa di Silvana Lissandrello, sconosciuta consigliere comunale di Ricengo. Pare che il suo nome non sia mai transitato dai vertici del partito ma che sia uscito direttamente da Simone Beretta. Sconcerto personale e sfoghi sul web di iscritti e simpatizzanti del Pdl. La formazione delle liste è stata una autentica dèbacle organizzativa nel partito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Matteo

    Se così fosse, mi viene da pensare che Rossi sia semplicemente la foglia di fico dell’ancora vecchio apparato di partito.. certi decidono tutto e certi ci mettono sempre la faccia… altro che rinnovamento!

    • Laura Carlino

      Ma va?

      • Giuliaah

        Ma va!

        • giovanni

          Ma va si! All’apparato del partito va bene che Cremona sia rappresentata da due peones senza arte ne’ parte che dovranno votare quello che verrà loro detto senza battere ciglio. D’altronde nel PDL la democrazia è un optional, se poi ci mettiamo anche qualche rappresentante della congrega simil Scientology quale C.L. è detto tutto.

          • angelo

            per gio… grande

  • angelo

    premesso che ogni cittadino è libero di partecipare alla vita politica nello schieramento del proprio pensiero politico è altrettanto vero che io come cittadino sono liberissimo di non votarli e se fossimo veramente coerenti con noi stessi alcuni personaggi non riuscirebbero che a prendere il voto dei loro familiari…………….altro che poltrone al pirellone…….sveglia popolo…..

  • Serpe

    La Bassanetti verrà ricordata come la donna con due “controcoglioni” grandi cosi! chapeau!

  • Anna

    Gente votate Lega, che ha le idee chiare per il futuro del Nord. Prima il Nord con la Lega Nord!

    • angelo

      si, stiamo freschi, sono 20 anni che raccontano le solite pavane….i serpenti li incantano in india…

      • Anna

        Angelo, solo nel libro degli altri contrari ci sono le pavanate per continuare a succhiare risorse al Nord! Ma stavolta i fatti sono talmente chiari che dal 25 febbraio le risorse qui prodotte rimarranno per la maggior parte per il bene del Nord. W il Nord, W il Sud, W le Isole, ma prima il Nord!

        • angelo

          premesso che non ho mai e poi mai votato lega dalla sua nascita, ti ricordo che il consiglio regionale della lombardia si è dovuto dimettere grazie ai molteplici scandali che hanno coinvolto i loro assessori, leghisti compresi, e che il maroni è sempre stato il braccio destro ed anche sinistro del bossi quindi anche lui al corrente della situazione di marciume del suo partito, anche se ovviamente sia più opportuno per lui fare come le tre scimmiette e sbandierare all’italia intera che ha fatto pulizia. per favore siamo seri, quello che propone è semplicemente anticostituzionale ed irrealizzabile, se avessero devastato meno le casse della regione lombardia negli ultimi 20 anni non ci sarebbe bisogno di sbandierare certe ricette mirabolanti, dal momento che stavano governando perchè non l’hanno fatto…..

  • sandra

    Bassanetti chi ? La retromarcia e’ vietata solo in autostrada. Ma se non c’e’ la certezza al 100 % di fare il consigliere regionale perche’ metterci la faccia ? Abbiamo di meglio da fare . E poi , con stile, si ingrana la retro e si sbatte la porta. Come De Coubertin insegna.
    Malvezzi e Jotta : di mezzo ci sono i voti cremaschi , cioe’ di Rossoni. E come Cinzia Fontana insegna, senza i voti cremaschi non si va in Parlamento , ma neanche in consiglio regionale.
    Malvezzi e” avvertito…

    • Serpe

      Se si deve correre con la vecchia e becera politica che si divide voti e potere, è meglio stare a casa a guardare la tivù! Ha fatto bene, vediamo adesso quanti voti prendono i due leoni da guerra …