10 Commenti

Sepolture con i privati per tre mesi "Per garantire il servizio al Cimitero"

CIMITERO

Un’altra privatizzazione al Cimitero di Cremona. Il Comune ha affidato alla ditta Idea Lavoro Cooperativa Sociale Onlus, già responsabile di alcuni servizi, il supporto alle operazioni di sepoltura per il periodo che va dal 2 aprile al 30 giugno. Il costo dell’operazione: 13mila euro per complessivi 15mila 800 euro con via al 21%. La questione relativa alla gestione dei servizi cimiteriali affidata per alcune attività alla stessa cooperativa è già stata oggetto di polemiche. Ora, l’ennesima determina che apre un nuovo il dibattito su un settore delicatissimo (purtroppo in attivo dal punto di vista del bilancio), secondo opposizioni e sindacati mal gestito dall’amministrazione per quanto riguarda il personale. “Al fine di garantire il mantenimento di un servizio essenziale ed obbligatorio per legge quale quello delle sepolture – si legge nel determina a firma del dirigente Maurilio Segalini – c’è la necessità di affidare ad una ditta esterna specializzata il supporto operativo in quanto strumentale al conseguimento delle sepolture ai Civici Cimiteri comunali”. Il Comune, infatti, ha richiesto a due ditte specializzate nel settore, entrambe cooperative di tipo ‘B’, un’offerta al ribasso sulla base d’asta di 13mila 200 euro (via esclusa) per provvedere al servizio per poco meno di tre mesi. Vincitrice è stata Idea Lavoro con un ribasso dell’1%. Queste alcune delle condizioni: la cooperativa deve assicurare minino due operatori per giorno lavorativo capaci alla realizzazione delle diverse attività, mentre il materiale e le attrezzature risultano a carico del Comune. Al privato, dunque, tumulazioni, inumazioni, esumazioni, estumulazioni al Cimitero Maggiore di Cremona e ai cimiteri di Cavatigozzi, San Savino e Gerre Borghi. “Abbiamo condiviso la situazione del Cimitero in commissione e con i sindacati – ha spiegato l’assessore Claudio Demicheli – Ci sono problemi di carenza di organico, in più qualcuno del personale ha problematiche fisiche limitative per il lavoro. Per questo dobbiamo utilizzare il privato come supporto ai dipendenti. E fino a quando non è approvato il bilancio, dobbiamo fare incarichi temporanei per i vari servizi, alcuni di mese in mese in dodicesimi”.
“Prosegue silenziosamente la privatizzazione del cimitero, sempre e solo con la stessa cooperativa che di fatto ha ottenuto il monopolio della struttura. Una scelta annunciata dall’amministrazione Perri che, attraverso questi provvedimenti, la sta attuando. Il Pd non ci sta e presenterà sul tema un ordine del giorno”, commenta Caterina Ruggeri del Partito Democratico. Nel 2013 già affidati alla cooperativa Idea Lavoro, il servizio cimiteriale necroscopico e la polizia mortuaria dal 1 gennaio al 28 febbraio (21mila 374 con iva) e per il mese di marzo (10.687 con iva) e il servizio di pulizia e decoro dal 18 febbraio al 17 marzo (3mila 146 con iva).
Continua, intanto, l’iter per la costruzione del nuovo Polo della Cremazione. L’8 aprile è prevista l’apertura delle buste per l’affidamento dei lavori. Sono 36 le ditte che hanno fatto richiesta. A giugno ci sarà l’incarico e a dicembre è prevista la chiusura del cantiere. “Con il Polo della Cremazione servirà personale qualificato – ha concluso Demicheli – Stiamo procedendo ad uno studio per verificare se riusciamo a gestire il servizio con il personale interno o se dobbiamo ricorrere a ditte private”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • martina

    perchè qualche consigliere di minoranza non verifica di chi è questa “Idea Lavoro Cooperativa Sociale Onlus” e fa il così detto 2+2?

    • Beppe

      E’ di un candidato consigliere comunale della Lista Ceraso, presso la quale lavorano dipendenti comunali che hanno chiesto l’aspettaviva dal luogo di lavoro. Solo con Perri si vedono certe cose.

      • indignato

        se è davvero così definirla vergogna è poco, roba da esposto alla Corte dei Conti… ed evidentemente non è difficile da verificare. Minoranza, sveglia!

      • mario

        aspettano e sperano…………………!!!!

  • Beppe

    751 dipendenti e c’è carenza di personale? Cambiate mestiere, è meglio per la città!

    O forse è tutto studiato ad arte per far lavorare questa cooperativa? Intanto pagano i cittadini.

    Perri a CASA!

    • PiovonoPietre

      Dai Beppe Potter, forza, con la tua bacchetta magica trasforma tu qualche puericultrice in operaio seppellitore….

  • Pandolfo

    Sono convinto che all’interno dell’amministrazione comunale non ci sono professionalità in grado di adempiere al lavoro di giardiniere o trasportatore. Lavori di alta professionalità e con un organico di soli 500 dipendenti ecco le ragioni della scelta…minorana beviti anche questa

  • Cicerone

    Qualcuno per caso conosce le modalità con cui questa cooperativa si è aggiudicata questi lavori??? Lo chiedo perchè non riesco a trovarne traccia.

  • unoqualunque

    Sarebbe auspicabile che qualche consigliere di minoranza chiedesse copia della determina nella quale sono indicate le ragioni che hanno spinto l’Amministrazione Comunlae ad assegnare alla cooperativa questi servizi; verificasse la sussistenza di questa necessità (verificasse in sostanza che non ci sia del personale qualificato in Comune per svolgere il servizio reso da questa cooperativa – ipotesi a mio avviso altamente improbabile), verificasse se è stato fatto un bando di assegnazione del servizio o se l’assegnazione è stata condotta in via diretta. In questo ultimo caso verificasse se sono stati rispettati i dettami normativi che risultano molto stringenti….

    • mario

      si possono stringere anche patti….( di più forse ?)……….!!