Un commento

Precari, disoccupati e stranieri 'La nostra fatica a immaginare il futuro'

http://www.youtube.com/watch?v=putgCh4hcG0

Nel giorno della Festa del Lavoro raccontiamo la precarietà a Cremona. Attraverso tre storie. Quella di Luisa, insegnante di 29 anni, che firma un contratto a progetto ogni dieci mesi e poi, l’anno successivo, ricomincia da tutto da capo. C’è la storia di Charity che è venuta quindici anni fa dalla Nigeria in cerca di un lavoro e si è ritrovata con contratti brevissimi, conseguenti problemi con il permesso di soggiorno e difficoltà nel mantenere la figlia. Infine, il racconto di Davide, operaio 56enne che, dopo una vita passata in un’azienda del territorio, si è ritrovato senza un posto e senza una pensione. Esperienze diversissime tra di loro, ma che raccontano tutte della fatica di immaginare il proprio futuro. “Il precario cremonese ha la caratteristica di essere giovane  – dice Monia Castelli, Nidil e Ufficio Immigrazione della Cgil – ma negli ultimi anni purtroppo si rivolgono a noi persone adulte ultra 40enni che hanno perso il posto fisso e si barcamenano tra contratti precari. L’Italia era all’avanguardia negli anni ’90, a differenza dell’Europa, per il lavoro flessibile a cui si ricorreva come ponte, come prolungamento del periodo di prova, in vista del posto fisso. Nel 2008 l’Europa si è adeguata con punte di eccellenza come in Germania, mentre in Italia la legislazione ha peggiorato le cose. La flessibilità è diventata precarietà. Ora quello che vogliamo e che tutti ci chiedono è che il posto fisso diventi ancora l’obiettivo primario di ogni tipo di contratto. Per la stabilità della società e delle persone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • alfio

    di professori di sinistre che infestano le nostre scuole ce ne sono già abbastanza e quindi vada a fare un lavoro utile che tempo all’unviversità a studiare cose inutili ne ha già perso abbastanza e poi hanno l’arroganza di pretende un posto di lavoro.
    gli stranieri senza lavoro se ne devono andare perchè in Italia bisogna pensare solo agli italiani