7 Commenti

Nidi e materne, Alquati: 'Senza aumenti rischiavamo di ridurre i servizi'

evidasilo

‘L’aumento delle tariffe di asili nido e scuole per l’infanzia si è reso necessario per scongiurare il pericolo di una drastica riduzione dei servizi’. Questo, afferma l’assessore Jane Alquati – il rischio corso dai servizi educativi del Comune rivolti all’infanzia, che in varie parti d’Italia stanno determinando mezze rivolte sociali. Il caso di Bologna è lampante, ma anche nelle città lombarde governate da centrodestra o Lega il pagamento di rette ben più alte di quelle di Cremona è una realtà da tempo. La Alquati difende così la scelta scomoda ma obbligata di introdurre la retta mensile nelle scuole per l’infanzia comunali (adesso a costo zero), ipotizzando un minimo di 35 euro e un massimo di 70 euro mensili per ciascun bambino, oltre al costo della mensa (che già c’era) portato a 5 euro a pasto.

Sugli asili nido il discorso è un po’ diverso, con l’introduzione di sei  fasce tariffarie proporzionali al reddito, da un minimo di 200 (finora era di 70 euro) a un massimo di 600 euro al mese, più 150 euro di compartecipazione alle spese per l’acquisto dei materiali (pannolini ecc.).

‘Domani (martedì) in pre-giunta – afferma Alquati – parleremo delle agevolazioni per le famiglie, ad esempio quelle con altri figli nello stesso ordine di scuola, o con un solo genitore. Le nuove tariffe sono impostate, ma non ancora definite. Il concetto che mi preme sottolineare è che siamo stati a un passo dal dover ridurre i servizi’. O dall’affidarlo all’esterno, alle cooperative, con cui peraltro il Comune collabora già per il tempo prolungato: ‘Il  passaggio di alcuni servizi al Terzo Settore avrebbe avuto senso come parte di un percorso costruito per tempo; non lo si poteva certo attuare solo per una questione di Bilancio’, conclude l’assessore. Un fondo di 120mila euro sarà costituito (e gestito probabilmente dai Servizi Sociali) per accompagnare i vecchi iscriti nel nuovo regime tariffario.

Archiviate dunque le esternalizzazioni (mai piaciute al vicesindaco Nolli), adesso si tratterà di far digerire agli utenti delle nove scuole d’infanzia e dei 4 asili nido comunali  l’amara pillola dei rincari. Le agevolazioni di cui si parlerà domani dovrebbero addolcirla un po’.  Mercoledì pomeriggio poi è previsto un passaggio in Commissione Politiche Educative del nuovo regolamento dei servizi educativi per l’infanzia così come integrato giovedì scorso in Giunta con i criteri per la determinazione delle tariffe. Per gli asili nido sono sei gli scaglioni di reddito Isee ai quali verranno agganciate le tariffe mensili: il primo è da zero fino a 10.000 euro; il secondo da 10mila a 15mila; il terzo da 15mila a 20mila e così via fino al sesto scaglione per redditi oltre i 30mila euro. Ipotizzando la retta massima di 600 euro mensili, più 150 per la compartecipazione alle spese di gestione, si arriva ai 750 euro almese che rappresenta la retta massima attualmente pagata nei nidi. La vera novità del nuovo regolamento è però che le fasec di reddito più basse e quelle in cui solo un genitore lavora saranno quasi automaticamente escluse dagli asili nido. Questa utenza sarà invece dirottata su un servizio molto più leggero per le casse comunali, il Centro prima infanzia di palazzo Duemiglia.

Sempre nei criteri per la determinazione delle tariffe compaiono anche i quattro scaglioni per  le scuole dell’infanzia: da zero a 10mila euro; da 10mila a 18mila; da 18mila in su. Una quarta fascia è riservata ai non residenti (che solitamente pagano di più).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sarà masecondome

    Questa é una bella mossa per incentivare gli asili privati….

  • genna

    l’assessore alquati insieme al suo collega del bilancio stanno impartendo un colpo mortale ai bilanci familiari delle famiglie cremonesi. ma non si rendono conto che con questi aumenti sarà difficile tirare la riga a fine mese? ma le scuole pubbliche, che sostengono necessità primarie, non dovrebbero essere gratuite per consentire alle famiglie di avere garantito il servizio alla cura dei propri figli in orario di lavoro?!?

  • sevedeva

    siore e siori, ecco cosa succede ad uno stato quando non ha più una moneta sovrana: l’economia va a rotoli, non ci sono più soldi per un ca*** e andrà a finire che verrà privatizzato tutto il privatizzabile; è la shock economy bellezza, e tu non puoi farci niente

  • Filippo Fusar

    Se vogliamo dirla tutta: per gli asili è una scelta scomoda ma obbligata ma per lo smaltimento dei rifiuti, invece, il modello emiliano non va bene vero?
    Cari cremonesi lo sapete che su quel tipo di modello (ma così come tanti altri) la tassa rifiuti potrebbe essere più onesta? pagare in base all’effettivo consumo e non pagare su un presunto consumo ! Questa si chiama DEMOCRAZIA.

    • famiglia allibita

      far diventare il servizio a pagamento quattro mesi DOPO le iscrizioni non si chiama democrazia, si chiama DISPREZZO PER LE FAMIGLIE o, più semplicemente, TRUFFA.

  • Basta Perri, Basta Tasse!

    PERRI e NOLLI i dracula di Cremona, peggio di Monti!

  • Filippo

    Ma un asilo nido privato costa più di 750 euro mensili? A me pare di no, quindi se non ci fossero sprechi e sperperi il comune dovrebbe guadarci, come ci guadagna il privato………… o questo è un modo indiretto per indirizzarci e favorire così il servizio privato?
    Perché negli asili nido non dare la precedenza ai bambini con entrambi i genitori lavoratori (con tra l’altro un ISEE più elevato)? Anche perché non capisco la necessità di un genitore che non lavora di mandare i figli al nido…
    Comunque se l’interesse sarebbe il bene comune a mio parere si potrebbero adottare mille altre soluzioni, anziché sempre la solita.
    Quasi quasi mi sa che non conviene più lavorare in due….