5 Commenti

Nel parcheggio disabili con il permesso del padre defunto, denunciato

Utilizzava il permesso per invalidi del padre morto per arrivare con la vettura più vicino alla destinazione. Un 63enne di Motta Baluffi è stato denunciato dai carabinieri di Vescovato per sostituzione di persona. Aveva parcheggiato l’auto nel posteggio di un centro commerciale, nello stallo riservato alle persone diversamente abili. I militari, nell’ambito di un controllo, hanno scoperto che il permesso esibito sull’autovettura era intestato al padre defunto. Il contrassegno è stato sequestrato ed è subito partita la denuncia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • in un italia dove ci sono ciechi che guidano o leggono il giornale,storpi che giocano a calcio o paralitici che si destreggiano nel traffico con i loro scooter,questo personaggio nostrano,non ha voluto esser da meno.
    mi domando come mai i medici nn vengano mai espulsi dal loro albo,visto che qulcuno darà l invalidità ai falsi invalidi..

  • Elia Siacca

    ci sono troppi furbetti che prendono per il culo, da una vita le istituzioni vedi falsi ciechi ,percettori di pensioni con i defunti sotto terra da decenni e l’INPS ,il comune e le poste vengono gabbate, ma diciamoci la verità a loro cosa volete che gne ne frega, mica devono rimborsare loro.
    gli Italiano criticano i mendicanti petulanti, ma per gli Italioti che sfruttano il sistema da decenni indegnamente non hanno nulla da eccepire, e la gente comune cosa fa?, come sempre se ne sbatte i coglioni.
    W L’Italia

    • Tomas

      la gente comune si indigna tutti i giorni ma non può nulla contro un sistema demente e malfunzionante che favorisce gli imbroglioni e a volte sembra pure compiacersene…anche gli extracee hanno fatto in fretta a capire i meccanismi italioti

  • Aristide

    Provate a visitare i parcheggi dei centri commerciali, sono anche pieni di auto senza permesso invalidi…..se i vigili iniziassero a controllare meglio facendo intervenire il carro attrezzi, sono certo che molti furbetti sparirebbero. Invece tutto e’ concesso, permesso e non redarguito…Avanti cosi’….poi non lamentiamoci delle conseguenza.

  • Elia Siacca

    ARISTIDE SIAMO NEL PAESE DEI BONGO BONGO COSA PRETENDI ,SIAMO IN MANO A GENTE CHE NON SA BEPPURE DA CHE PARTE è GIRATA.
    PER QUESTO CHE I DISONESTI E I FURBETTI SPAZIANO A TUTTO CAMPO, VEDI ES L’ORDINE PUBBLICO DOPO 10 ANNI DI FRONTIERE COLABRODO DI LETARGO E DI BUONISMO PELOSO, FORSE SI SONO SVEGLIATI, FORSE……