Ultim'ora
10 Commenti

Caro parcheggi, è scontro politico Nolli: 'Colpa della giunta Bodini' Pd: 'Loro scelto di ridurre i piani' 20 centesimi in più per ripianare il debito con Saba

AGGIORNAMENTO – “Tutta colpa della Giunta Bodini (2002)”. Si difende così l’assessore al Bilancio Roberto Nolli dopo la notizia del rincaro dei parcheggi da parte di Saba: 20 centesimi in più sui 395 posti auto di competenza della spa romana. Dunque, negli stalli blu su strada e nel parking di piazza Marconi si passerà da 1 euro e 50 centesimi a 1 euro e 70. In più, Saba prende 140 parcheggi in più da Aem fra via Bissolati, via del Vasto e via Cadore, più altri 30 nuovi ricavati in via Bissolati. Un rincaro dovuto all’esigenza da parte del Comune di stabilire con Saba la definizione contrattuale relativa al pregresso. A Saba infatti il Comune deve riconoscere entro quest’anno almeno 350mila euro per le penali già stabilite dal contratto di project finanzing relative al ritardo nell’apertura dell’autosilo (dal 2007 al 2012), la mancata assegnazione di ulteriori posti auto a rotazione, l’esclusione del pedaggio nel parcheggio dell’ospedale, la mancata saturazione dei posti auto. “Gli aumenti dei parcheggi – scrive Nolli, come al solito scatenato su Twitter – sono per pagare il buco di piazza Marconi in piazza Marconi. Uno dei tanti danni di 20 anni di giunte cattosocialiste”.
“A sentir Nolli in questi anni hanno continuato a governare Bodini e Corada, la destra al governo della città non si assume mai la responsabilità delle proprie scelte – replicano Maura Ruggeri e Alessia Manfredini del Pd – Le difficoltà intervenute circa i tempi di realizzazione del parcheggio hanno cause oggettive ben note che non sono da imputarsi a responsabilità amministrative, ma fa comodo far credere altro. L’ amministrazione Perri/ Nolli ha scelto, di modificare gli accordi originari con Saba e di limitare il parcheggio Marconi a due piani anzichè quattro, scelta legittima, ma che avrebbe comportato dei costi contrattuali era ampiamente noto! Non abbiamo risposte però su quanto chiediamo da tempo: la riconsiderazione complessiva della sosta che permetterebbe, forse,  una rimodulazione delle tariffe e la possibilità di introdurre  delle agevolazioni anche a favore dei residenti da concordare  con Saba come accade in altre città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti