8 Commenti

Pedone investito sulle strisce in viale Po Prognosi riservata

via-lugo

foto Sessa

Incidente in viale Po intorno alle 9.30 di sabato. Un anziano di 78 anni, F.S. residente a Cremona, stava attraversando la strada sulle strisce pedonali nei pressi di via Lugo, quando è stato investito da una Volvo che procedeva in direzione centro, condotta da B.L. di 80 anni, residente a Cremona. Un impatto violento: la macchina ha colpito in pieno il pedone, l’ha caricato e l’ha rilasciato a terra dieci metri più avanti. Il parabrezza della vettura è sfondato. Sul posto ambulanza e vigili urbani per gestire il traffico intenso. L’uomo è stato soccorso e trasportato in ospedale in codice giallo. E’ ricoverato in prognosi riservata. Qualche disagio per automobilisti e autobus, in ritardo quelli della linea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • topastrofly

    Gli attraversamenti pedonali di Viale Po non semaforizzati sono insicuri, poco visibili e coesistendo anche con l’attraversamento ciclabile ancora di piu’, non solo per la scarsa propensione dei conducenti a rallentare e/o fermarsi in prossimita’ degli stessi ma anche per la difficolta’ di questi ultimi nell’avvistare x tempo i molti ciclisti che circolano parallelamente al viale e poi tagliano all’ultimo sull’attraversamento pedonale esigendo la precedenza.
    Quello di via lugo e’ poi in area di intersezione e in ore serali e’ scarsamente illuminato,
    in quello tra viale Po e Largo Moreni l’avvistamento dei pedoni e’ in parte ocultata dalla segnaletica verticale ed alla fine dello stesso vi e’ poi una zona di conflitto tra pedoni e ciclisti che confluiscono in uno stretto budello prima di via Portinari Po
    sul’l’attraversamento posto tra Viale Po e piazza Cadorna il traffico pedonale/ciclabile e’ notevole e l’avvistamento dei pedoni e’ sempre occultato dai veicoli che sostano irregolarmente sulle isole di traffico o davanti ai segnali verticali in entrambi i sensi di marcia.
    Queste mie osservazioni anche come nota x ‘lUfficio traffico/tecnico/ P.L. x quanto di competenza.

    • Giulia

      Si ma stiamo anche parlando di un uomo di ottant’anni che era alla guida…
      E poi in generale, le auto dovrebbero andare meno veloci.. E rispettare le strisce pedonali, visto che l’altro signore attraversava appunto sulle strisce!!!
      Che poi ci siano ciclisti che non si comportano correttamente è un altro discorso.. Questo era a piedi non in bici!!!
      Ad una certa età bisognerebbe smetterla di andare in auto, anche perchè pochi giorni fa è successo un altro incidente con alla guida, un altro uomo di settanta e passa anni…

    • Oscar Piacenza

      Tutto vero. Poi basta anche non andare forte. Prestare attenzione specialmente se si sa che alcune zone presentano delle difficoltà di visibilità. Qualche volta fermarsi al passaggio pedonale se qualcuno attraversa, non fare il calcolo e accelerare per passare prima del pedone (e/o ciclista).
      Aggiungiamo che il guidatore in questione aveva 80 anni, quindi con riflessi, vista ed udito di un ottantenne.
      Andare in auto è una responsabilità. Giusto segnalare i problemi della viabilità. Specialmente quelli rimediabili a costo zero (i veicoli in sosta dove non dovrebbero) sarebbero da affrontare. Altrettanto giusto che chi, come me, guida si assuma le proprie responsabilità (a ben vedere anche i veicoli in sosta dove non dovrebbero sono responsabilità di chi guida!).

  • Sergio

    Mettiamoci pure che a 80 anni non si dovrebbe piu’ guidare un’arma di distruzione di massa, leggasi “automobile”.

    • Mario

      Ignorante…

      • Sergio

        E che cosa avrei “ignorato”? Che a 80 anni la vista e’ ridotta, cosi’ come l’udito, i riflessi, la capacita’ di attenzione ecc. ecc.?

  • Noi pedoni prima di attraversare dovremmo guardare a destra e a sinistra, senza dare per scontato, in nome della precedenza, che un automezzo debba inchiodarsi all’ultimo momento per non investirci.
    Io attraverso spesso i passaggi pedonali con bambini e passo quando è chiara l’intenzione del conducente di fermarsi. A volte il primo si ferma e poi in doppia fila ne sbuca un altro che ti sfreccia davanti, perchè non ti ha visto. Perciò occhio! E’ bene non tenerci ad avere ragione da investiti e conciati per le feste.

    • Giulia

      Giustissimo!!! Però come è vero che ci sono pedoni irresponsabili, io penso che la maggior parte delle volte lo siano gli automobilisti.. Che siccome hanno in mano l’auto danno un po’ per scontato di dover passare… Poi chiaramente non voglio fare di tutta l’erba un fascio..
      Ma giusto oggi, mi è capitato di vedere una signora in bicicletta, che è caduta a terra e si è spaventata per colpa di una donna in auto che non ha rispettato lo stop (e la ciclista era su una pista ciclabile), e come ciliegina sulla torta, la conducente dell’auto in questione neppure si è degnata di fermarsi…