4 Commenti

Furti, bloccate tre rom: c'è anche una 13enne

carabinieri

Tre rom, una 20enne, una 13enne e una 28enne sorprese a rubare al Famila di Soresina nelle ultime ore. Sono state notata dalla vigilanza e sul posto sono intervenuti subito i carabinieri del luogo, impegnati da giorni, sotto il coordinamento del maresciallo Luigi Illustre, in pattugliamenti per contrastare, in particolare, proprio i reati contro il patrimonio. Le prime due hanno agito insieme, nel pomeriggio di martedì. Hanno superato le casse pagando prodotti per pochi euro ma nelle loro borsette avevano nascosto altro materiale. La maggiorenne (proveniente dalla provincia di Pavia) è stata denunciata per furto (alle spalle già diverse denunce per lo stesso motivo). Per la 13enne, dell’area lodigiana, non imputabile per l’età, è partita invece una segnalazione alla procura per i minorenni. Entrambe si trovavano a Soresina, in visita, temporaneamente. Nel pomeriggio di mercoledì è stata bloccata la 28enne, proveniente da Trigolo. Dinamica simile. Aveva nascosto in borsa prodotti per neonati, del valore di pochi euro (3,50). Come nel caso precedente, merce recuperata e donna comunque denunciata per furto. La linea del Famila, alla luce delle numerose sottrazioni illecite registrate in passato, è infatti quella di attivare sempre i carabinieri, anche in caso di colpi “minori” per i quali spesso chi viene scoperto (magari non al primo tentativo e nemmeno all’ultimo) chiede di rimediare pagando subito il dovuto. Una scelta, quella del supermercato, che ha come obiettivo la diminuzione dei furti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • sai che glie frega a ste 3!!domani son in un altro supermercato a rubare o in qualche casa…siamo in italia eh..

    • GiuliaRita

      Esatto! Oggi qui, domani là.. Un po’ come fare la spesa, insomma..

  • il qualunquista

    solo in Italia le Rom possono rubare senza grossi problemi ,siamo il paese del Bengodi
    dove prima rubi e poi godi

  • il qualunquista

    l’Italia è un’immensa prateria dove bande di criminali fregano di tutto dalle grondaie di rame nei cimiteri, nei cantieri ,le terre di protezione in di rame dai binari saccheggiando le case viaggiando gratis sui treni bus metropolitane ecc e quando li prendono cosa succede , niente perché vengono rilasciati e vanno a rubare da un’altra parte ,per campare usano i furti ,rapine ,quando sono in crisi vanno a mangiare alle mense dei poveri ecc quindi tutti hanno capito che in Italia si può rubare stuprare ecc perché sanno che da noi c’è la filosofia del chi se ne frega, se moltissimi rubano evadono le tasse ecc ,basta che posso nel mio piccolo rubare ed evadere anch’io, perchè sappiamo che nel bel paese ci sono molte persone oneste che pagano anche per noi, siamo il paese dell’impunità dove un condannato illustre al terzo grado dalla cassazione a breve gli verrà data l’agibilità politica con la soddisfazione del PDL e PD come se nulla fosse successo. W l’Italia viva il Bengodi.