7 Commenti

Cremona tra le prime venti città più inquinate d'Europa per pm10

evidsmog

Cremona nella lista nera delle città più inquinate d’Europa, secondo l’Agenzia europea per l’Ambiente. I due imputati sono Pm2,5 e ozono, gli inquinanti che minacciano particolarmente la salute dei cittadini europei, una minaccia significativa secondo l’agenzia europea. Cremona purtroppo si colloca tra le città con il maggior numero di superamenti dei livelli soglia per Pm10 e 2,5. Per quanto riguarda il Pm 10, al dodicesimo posto della classifica c’è Monza (121 giorni di sforamenti nel 2011), tallonata da Brescia (113), Cremona (109), Vicenza (107), Torino (105), ancora Padova (93) e Venezia (85). Anche se i dati non sono aggiornati alla situazione attuale, sono tristemente validi: nei giorni scorsi le centraline hanno già iniziato a rilevare sforamenti dell’inquinante. Secondo l’Agenzia, l’inquinamento è la prima causa ambientale  di morte tra i Paesi europei, con oltre 400mila decessi prematuri nel 2010, più di dieci volte le vittime di incidenti stradali. Mentre le emissioni nocive di biossido di zolfo da industrie e centrali si stanno progressivamente riducendo, permangono alti gli elementi inquinanti provenienti a altre emissioni industriali, dal trasporto su strada, agricoltura e sistemi di riscaldamento residenziali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • sandra

    Beh , un tempo c’ era la raffineria … si sapeva subito chi incolpare….oggi sarebbe rimasto Arvedi , ma è stato proposto per la medaglia d’oro del comune di Cremona…

  • cremona1983

    arvedi fara’ pure il suo, ma a cremona sebbene il servizio pubblico magari non e’ eccelso; la gente quando va in citta’ vuole parcheggiare la macchina a 2metri da dove deve andare- vedi gente continuare girare a vuoto(anche se sono cavoli loro). in + molti mezzi pubblici vanno ancora a carbone… ognuno fa quello che vuole ci mancherebbe , ma per muoversi magari per fare un giro e basta; se non si abita lontano , si potrebbe usare anche la bicicletta … NE GIOVEREBBE LA PROPRIA SALUTE E QUELLADEGLI ALTRI VA LA

  • giorgino carnevali

    LA POLITICA DEL PEGGIO

    “Mentre tutti deplorano e condannano, ogni cosa procede verso il peggio perché troppi sono coloro che hanno legato le proprie sorti o quelle del proprio partito alla POLITICA DEL PEGGIO. E poi ci si lamenta della diffidenza che gli onesti nutrono verso la politica. Finchè i partiti non si saranno scoperti e non proveranno con i fatti che almeno il CAOS DEL PAESE NON LO VOGLIONO, molta gente rimarrà assente e sfiduciata”. (don Primo). Recita…codesto articolista: “CREMONA NELLA LISTA NERA”; amici, ne vedremo delle belle (“dippiù “)…ne subiremo delle nuove allorquando andranno a regime certe ‘iniziative’ tra Cremona sud-ovest, Cavatigozzi, Spinadesco, Grumello Cremonese, Acquanegra Cremonese, Sesto Cremonese…e pure Pizzighettone. Il Grande Fiume la fa da confine, altrimenti…!!! Possibile che lo si debba solo urlare a squarciagola? Che strano questa “limpidezza” nel bel mezzo di un inquinamento di una Cremona tra le più “inquinate” città d’Europa. Sensazioni, le mie, che hanno preso la parola.

  • Maria Grazia Bonfante

    E’ evidente che non c’è una sola soluzione, ma diverse integrate fra loro. E’ altresì palese che non c’è una sola causa, ma tante concause. Con diversi livelli di responsabilità tutti stiamo contribuendo a “rubare” presente e futuro vivibile. Eppure si sa cosa si dovrebbe fare e come, smettiamo di nasconderci dietro all’insicurezza dei numeri (sono dimostrabili!) o alla carenza di risorse. E’ sempre una questione di scelte, di priorità e di volontà politica. I casi si sprecano.

    Questa un’altra concausa:
    http://sgonfiailbiogas.blogspot.it/2013/10/la-truffa-del-biogas-cremona-danneggia.html

  • bungatore

    Caro sig.Perri
    ..complimenti….ha visto che con l’impegno si possono raggiungere risultati di rilievo anche in Europa……………..????!!!!!

    ci ricorderemo di lei..!!

  • Arsenio

    L’intensità energetica della pianura padana è inferiore di quella della regione della Ruhr o della grande Parigi, qui però la natura determina una maggiore inversione termica. Si possono comparare con lo stesso metro?

    • giorgio

      Credo che il dato analitico riguardante i valori di pm10 mostri solamente la qualità dell’aria presente negli strati di atmosfera in cui vengono fatte le analisi, che poi sono gli stessi strati da cui attingiamo aria per i nostri polmoni.
      A questo punto non è importante quali fattori concorrono a determinare una cattiva qualità dell’aria, però dobbiamo tenerne conto nel momento in cui facciamo immissioni in atmosfera di potenziali sostanze inquinanti
      (se a massa carrara immetto in atmosfera 100 particelle tossiche e se ne disperdono 60 e a cremona ne rilascio 50 e restano tutte lì, il risultato sarà comunque che cremona è più “inquinata” di massa carrara: questo vuol dire che purtroppo a cremona, proprio per le particolari condizioni ambientali che la caratterizzano, non possiamo permetterci di immettere in atmosfera neanche ciò che in altri contesti non crea danni…)