Commenta

Fasulin, servite 15mila scodelle Ricavato per le mura

fasulin

Record di presenze per la 21^ Fasulin de l’òc cun le cudeghe che dall’1 al 3 novembre ha registrato circa 22 mila presenze da tutta Italia tra cui oltre 400 camper (dal Lazio in su, fino a Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige) che per l’occasione hanno messo al bando colesterolo e dieta per assaporare i sapori perduti, genuini ed autentici di una volta all’interno della straordinaria e suggestiva cornice delle Casematte delle mura riscaldate dai grandi camini d’epoca con una superficie di circa 1800 metri quadrati interamente al coperto con 1.000 posti a sedere.

Il giorno dopo la chiusura della festa a tanto ammontano le stime di visitatori e buongustai che nei tre giorni della grande maratona gastronomica organizzata dal Gruppo Volontari Mura Pizzighettone (aperta non stop ogni giorno dalle 10 alle 23) sono approdati nella città murata per la degustazione del piatto tipico pizzighettonese delle solennità dei Defunti, con inevitabili code all’ingresso che si sono concentrate soprattutto all’orario di pranzo. Ma i buongustai dei ‘Fasulin’ sanno che così come lenta è la cottura del piatto serve prenderla ‘slow’, con calma e relax per degustare una fumante scodella del piatto tipico pizzighettonese delle solennità dei Defunti e di Ognissanti, facendo magari la conoscenza dei vicini di coda durante l’attesa.

Sono sono state oltre 15 mila le fumanti scodelle di Fasulin servite (circa 50 quintali) e cucinate ‘espresso’ con tre cotture giornaliere (ore 7, 12 e 15.30) dal gruppo di cuoche volontarie; migliaia anche le porzioni dei molti prodotti locali dell’autunno contadino in menù: Provolone Valpadana dop con mostarda Cremona, raspadùra di Grana Padano di Latteria Pizzighettone, salame e lardo nostrani, gorgonzola, polenta fresca ed abbrustolita e la torta rustica dei morti, dolce esclusivo della festa. Col risultato di un enorme lavoro per gli oltre 250 volontari pizzighettonesi di tutte le età al lavoro e ripagati dai moltissimi apprezzamenti, per la mitica zuppa, i piatti tipici ma anche per gli ambienti e gli allestimenti. Molti apprezzamenti anche per la casamatta dedicata al Baby Club con giochi per i più piccoli, quella riservata ai buongustai con amici a quattro zampe al seguito e il caratteristico trenino-navetta di collegamento con i parcheggi di cintura e le aree camper.

Grande folla anche per le iniziative collaterali: la 13^ BuonGusto, mostra mercato enogastronomica con oltre cinquanta espositori selezionati da tutta Italia promossa da Pizzighettone Fiere dell’Adda in 14 casematte delle mura, le visite guidate diurne e in notturna alla scoperta di Pizzighettone Città Murata di Lombardia, il Museo civico e i musei delle mura (‘Arti e Mestieri di una Volta’ e ‘Delle Prigioni’) e le crociere sull’Adda a bordo della motonave Mattei del consorzio Navigare l’Adda che ha imbarcato quasi 500 passeggeri.

Il ricavato della maratona gastronomica dei Fasulin de l’0c cun le cudeghe viene ogni anno completamente reinvestito per il recupero e la manutenzione delle mura. Gli introiti dell’edizione 2013 verranno utilizzati per l’opera di impermeabilizzazione del terrapieno sommitale di una porizione della cortina muraria di via Boneschi, dove si svolge parte della festa e molte mostre mercato ed eventi organizzati durante l’anno. Un intervento a cui hanno contribuito volontari (col loro lavoro) e buongustai (col loro contributo), che tutti i visitatori dell’edizione 2014 potranno già vedere realizzato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti