10 Commenti

Divisioni in giunta su rifiuti e Aem, Bordi tentato da una lista tutta sua?

bordi-nolli

Il “caso inceneritore”, che ha creato tensioni tra la maggioranza filo-Aem e l’assessore all’Ambiente Francesco Bordi, potrebbe sfociare in una lista civica capitanata dallo stesso Bordi. Le indiscrezioni che riguardano il futuro politico dell’assessore all’Ambiente e alla Polizia Municipale parlano della possibilità di una lista che potrebbe appoggiare Perri (in caso decidesse di ricandidarsi) ma anche andare per proprio conto. Raccogliendo i delusi della Giunta Perri del centrodestra, ma anche elementi lontani da quell’area politica e convergenti con l’assessore  sulla questione inceneritore e rifiuti.  Su questo tema ad esempio il Pd si è mostrato più vicino a Bordi di quanto non sia stato il Pdl. Pd che comunque rimarca le distanze sia dal centrodestra che dallo stesso Bordi, con la capogruppo Maura Ruggeri, che stigmatizza la mancanza di comunicazione tra le società partecipate e la Giunta. “Questo – afferma la capogruppo in un comunicato – è un dato preoccupante che non può essere archiviato come un incidente di percorso e non ci sentiamo affatto rassicurati dalla pace ritrovata tra l’Assessore Bordi ed AEM. Da tempo, come opposizione, lamentiamo la mancanza d’informazione e di coinvolgimento sulle scelte strategiche effettuate da LGH e se l’Amministrazione comunale non sa esercitare una governance adeguata, sarà sempre più difficile orientare le scelte di società destinate ad assumere dimensioni più grandi che allentano  il riferimento al territorio. L’Amministrazione comunale saprà garantire, in primo luogo ai cittadini, che gli indirizzi votati dal Consiglio comunale saranno effettivamente rispettati? Gli interventi sulla prima linea del termovalorizzatore, saranno limitati agli adeguamenti per migliorare le emissioni oppure avremo a che fare con un vero e proprio revamping?  Quanto costerà l’operazione? Si chiuderanno le porte, per il prossimo futuro, a scelte diverse dall’incenerimento dei rifiuti?”.

Infine, non è passata inosservata la partecipazione dell’assessore al convegno sui rifiuti zero organizzato dal M5S, per il quale ha ricevuto anche il plauso dei grillini. Un assessore che negli ultimi tempi ha acquistato grande visibilità, anche come responsabile della Polizia Municipale. Motivi per pensare ad un suo smarcamento da questo centrodestra ce ne sono. Anche perchè nemmeno con il sindaco l’idillio è più quello di un tempo: sul tema dei rifiuti non sono state per niente gradite le sue uscite sulle presunte reticenze (di Aem? del Comune?) circa i piani di revamping dell’impianto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • francesco bordi

    Grazie per avermi dato la notizia in anteprima perche’ non ne sapevo nulla, ma daltronde non ci si conosce mai abbastanza. Continuero’ a seguirvi per non perdere nulla del mio futuro.

    • Daniele

      Peccato avrei saputo quale lista non votare!
      ma la differenziata non doveva comportare nessun aumento o sbaglio?

      mi corregga ma alla fine chi pagherà il servizio in più?
      forse il comune tagliando le spese da qualche altro sevizio?
      o direttamente da tutti i cittadini il cui principale problema è arrivare a fine mese?

      è stato molto corretto da parte sua evidenziare il rincaro che avremmo dovuto subire!!!
      la sua visibilità mediatica ci costerà molto cara!

      grazie di tutto
      il conto dello scherzetto lo paga lei?!?!

      Concittadini attenzione ai politici farlochhi!

    • x

      Bravo Bordi!; la presa di posizione sull’inceneritore dimostra carattere. La salute dei cittadini d’altra parte viene prima del tornaconto personale ed elettorale. A differenza di altri Lei conosce bene il funzionamento, le magagne dell’inceneritore e le ripercusioni sulla salute pubblica. Non Le saranno di certo scappate le continue interruzioni di servizio dello stesso e l’inadeguatezza strutturale nel trattare un rifiuto che con il passare del tempo ha mutato le sue caratteristiche di progetto. Auguri per una battaglia che condivido.

      • Josè

        Tutti generosi col fondoschiena altrui.. sia si tratti di un assessore o di un’azienda pubblica. Quanti sono quelli che si battono contro il proprietario di Cremona che inquina davvero? Tutti baciapiedi.. di destra e di sinistra. Dividetevi sui rifiuti e sull’acqua ma lasciate stare il resto. Che schifo.. 5 stelle compresi..politichetta da provincia. (giornale s’intende).

  • Enrico Lombardi

    “…non è passata inosservata la partecipazione dell’assessore al convegno sui rifiuti zero organizzato dal M5S, per il quale ha ricevuto anche il plauso dei grillini. ”

    Non solo dei grillini ma da parte delle associazioni presenti sul territorio che mettono in prima linea la salute ai proventi economici di LGH e AEM; fortunatamente l’assessore non ha il paraocchi e pochi giorni dopo ha partecipato anche alla messa in onda del film/documentario Trashed.
    Bisogna desumere che: informarsi, aggiornarsi e fare un umile gesto di responsabilità nei confronti della cittadinanza è considerato segno di debolezza? Non ci siamo proprio. Bravo Assessore, continui così.
    W il Movimento 5 Stelle.

    • CREMONESE DOC

      Ma chissà perché i grillini si svegliano solo se si parla di differenziata e termovalorizzatore, come se il problema
      dell’inquinamento di Cremona fosse tutto li, mah, mi sfugge qualcosa, non si vogliono mettere contro alcuni poteri forti?
      Per descrivervi userei una canzone di Mina, “Parole” alle quali, purtroppo, praticamente mai fate seguire i fatti!
      La vostra politica nazionale ne è un esempio!

    • Daniele

      Come mai non avete commentato il possibile aumento della tassa dei rifiuti in seguito all’aumento del servizio dovuto alla raccolta differenziata?
      Non avevate detto che sarebbe diminuita del 40%?
      W il movimento 5 stelle loro si documentano e sanno di tutto quello che scrivono, vedi ultimo comunicato sull’argomento!

      Commentate anche la risposta dell’AEM sul teleriscaldamento!
      di fronte a dati verifiabili dove siete spariti?

      • Kernel

        L’aumento della tariffa lo dovrà chiedere lei a di dirama le future tariffe, dopo aver iniziare la differenziata.
        Differenziata che ovunque porca diminuzione in bolletta.
        Vuole i documenti, bene, cerchi in google, dato che sa commentare qui. Venga alle conferenze, li i documenti c’erano eccome, mostrati e descritti.
        Vada su youtube a vedere e cercare Vedelago..tariffe. Vuole altro?

        Teleriscaldamento? Risponderemo a tutto mio caro Daniele.
        Vuole fare o cercare propaganda qui. Benissimo la faccia e la richieda.
        Meglio parlare a tutti i cittadini o solo a lei?
        E poi mi scusi dati verificabili dove? che il teleriscaldamento fa bene? costa poco? che allo zaist ci sono bollette non care? (ironicamente parlando..), vada da loro e li ascolti e veda le bollette. Poi si fa un’idea di cosa c’è in città.

        • Daniele

          l’aumento della tariffa non sono io a dirlo ma la regione lombardia e più vicino il comune vedi sue ultime dichiarazioni sul bilancio.
          comunque proviamo ad usare un po’ di ragione.

          se il servizio porta a porta aumenta perchè richiesto dalla raccolta differenziata e si deve assumere personale in più da chi viene pagato?

          la legge dice che deve essere pagato dal comune!
          secondo lei perchè i cremaschi si lamentano della tariffa più alta di Cremona?
          vede io ho citato una zona vicino facilmente verificabile.
          basta vedere gli ultimi articoli apparsi sull’argomento.

          i documenti io li ho e li cito sempre, a differenza vostra che promettete documenti che non presenterete forse mai.

          il teleriscaldamento come servizio puo avere problemi che devono essere risolti dai soggetti preposti ma di principio è una tecnologia di riscaldamento che viene presa come riferimento da tutti gli enti. vedi sempre regione lombardia e il suo regolamento.

          se una famiglia per evidenti problemi economici non riesce a pagare la bolletta probabilmente non la pagherebbe anche se avesse usato il riscaldamente tradizionale.
          esiste comunque l’assessore Amore che segue queste problematiche.
          problematiche che esulano dal discorso teleriscaldamento!
          Sono problemi gravi che un aumento della tassa sui rifiuti non farebbe altro che aggravare!

          altra cosa evidente ma che vi sfugge.
          a differenza vostra non ho mai e ripeto mai suggerito partiti da votare.
          voi invece state facendo solo propaganda politica!
          se non riuscite a convincere una persona come pensate di farlo con tante?

  • CREMONESE DOC

    Ha ha, questa e’ bella, anche perché Bordi farebbe prima a candidarsi o col PD o col M5S piuttosto che fondare una sua lista!
    Comunque l’unica visibilità che ha preso ultimamente l’assessore, e’ quella di farsi fotografare sul giornale locale per i controlli farlocchi fatti ai venditori abusivi!