4 Commenti

Organizzatori: 150mila persone per il primo weekend del Torrone Cremona fa il pieno con il suo dolce

torrone evid

Foto Sessa

Primo weekend all’insegna del Torrone con un boom inatteso di visitatori. Centinaia di camper parcheggiati nell’area antistante le piscine, pullman, viaggi organizzati, auto provenienti da tutto il nord Italia (in gran parte lombardi, molti veneti, tantissimi emiliani). Una prima stima indica nel week end una presenza di 150mila persone con una autentica inattesa invasione nella giornata di domenica. Tutto esaurito per il concerto speciale all’auditoriun Giovanni Arvedi al Museo del Violino e lunghe code ininterrotte per accedere al Museo che ha raccolto commenti entusiastici dei visitatori sia per le qualità dell’allestimento che per la capacità didattica delle sale. Piazza Marconi si è rivelata una piazza ideale per i concerti e domenica pomeriggio era stracolma per la splendida esibizione della Gaga Simphony Orchestra. Tanta gente anche tra le vie Monteverdi-Verdi e Campi dove erano collocati i banchetti con le specialità del torrone. Accattivanti anche i banchetti con i vecchi mestieri su via Cavour e gran richiamo per gli organetti meccanici di Torricella del Pizzo in Galleria. Apprezzata anche l’infiorata di petali in piazza del Duomo. Insomma i primi due giorni sono andati benissimo. Anche dal punto di vista economico: gli espositori sono più che soddisfatti. Diversi ristoratori del centro hanno dovuto fare due-tre turni per soddisfare le richieste. Purtroppo è rimasta vuota (salvo per l’esibizione degli artisti di strada) piazza Stradivari, solitamente centro dei “torronai”, per permettere agli ambulanti di tenere il loro mercato sia sabato scorso che il prossimo venerdì: solo sabato si trasferiranno in viale Po.

GALLERIA IMMAGINI: LA DOMENICA DEL TORRONE (FOTO FRANCESCO SESSA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Patrizio

    Sono molto contento che tante persone siano venute alla festa del Torrone e che Cremona finalmente possa vivere un momento di gloria , ma i prezzi che vengono proposti per il torrone per i croccanti e altri dolci , sono fatti non per dare lustro alla nostra città famosa per queste leccornie ma per fregare il turista , tanto poi chi lo vede più… ma la faccia ce la mette il Cremonese ! non sono pochi quelli che hanno pagato un pezzo di torrone o di croccante 30 40 50 euro … qualcuno diceva meditate gente meditate ….

  • Talos

    Condivido quanto scritto nel post precedente. Come si vuole ammaliare un ipotetico turista quando alla prima occasione lo si spenna a dovere; sicuramente non tornerà più. I prezzi praticati negli stand erano troppo alti, non si può pagare il torrone a 40,00 €/Kg!!!!!!!

  • Il Dio Padus

    e quanto detto sul prezzo, tralasciando la qualità di certi torroni venduti a 4 Euro l’etto, insipidi, collosi e quasi come chewing gum…

  • marco

    Il prezzo è caro perché anche gli organizzatori vogliono una bella percentuale sul venduto…