Commenta

Mina sbarca su Topolino in una storia a fumetti

mina

Mina,  “La tigre di Cremona”, approda su Topolino. La cantante, esattamente dopo 35 anni dall’abbandono delle scene nel 1978, tornerà ad esibirsi virtualmente in una storia natalizia a fumetti, che la vedrà alla prese con Paperino e addirittura con Babbo Natale. Questa storia, dal titolo “Paperino, Paperica e il Natale in sordina”, sarà pubblicata sul prossimo numero del settimanale Topolino, in edicola a partire da mercoledì 11 dicembre.  Le tavole illustrano anche i momenti salienti della lunga carriera di Mina, che nella storia è accompagnata da altri due personaggi “paperizzati”: il figlio Massimiliano Pani, compositore e produttore musicale (Max Focacce), e il giornalista e scrittore Vincenzo Mollica (Vincenzo Paperica).
La vicenda raccontata su Topolino si svolge nella notte del 24 dicembre. Babbo Natale è un grande fan di Mina Uack e decide di andarla a cercare nel luogo segreto del suo esilio volontario in Scandinavia: il vero scopo è di ritrovare la colonna sonora del Natale, compagnia indispensabile nel suo lungo viaggio in slitta per la consegna dei regali ai bambini di tutto il mondo.
Il soggetto e la sceneggiatura sono di Gaja Arrighini, mentre i disegni del grande maestro Giorgio Cavazzano.
La pubblicazione di questa storia su Topolino è collegata alla realizzazione dell’ultima fatica di Mina, il “Christmas Song Book”. Per questa occasione, la stessa Mina ha voluto rivolgere un pensiero affettuoso proprio a Topolino: “Ricordo che costavi 25 lire. Quando sarà stato? Quaranta, cinquanta, sessant’anni fa…”, ha scritto la cantante nella dedica. “Sei inevitabilmente legato a Cremona, adorata città della mia infanzia. Lì ti ho conosciuto. E, in realtà, se ci penso bene, non mi sei mai sparito di torno. Mi sembra di averti, ogni volta, guardato con dolcezza e apprezzato per il ruolo di buon compagno di addormentamenti e di sogni. Allora è vero. Siamo sempre stati insieme e adesso lo siamo un po’ di più. Bello”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti