Commenta

Palazzo Affaitati pronto per inaugurazione collezione Carutti

chitarre

L’impegno a consolidare la fama di Cremona quale capitale dell’arte liutaria nel suo più ampio significato si conferma con l’inaugurazione, venerdì 13 dicembre, alle ore 17,30, della Collezione storica di chitarre, liuti e mandolini di Carlo Alberto Carutti, curata da Giovanni Accornero e collocata nelle sale settecentesche del piano nobile di Palazzo Affaitati, sede del Museo Civico “Ala Ponzone”,  che si è deciso di chiamare “Le Stanze per la musica”. Si concretizza, dunque, il desiderio di Carlo Alberto Carutti di depositare la sua collezione o meglio, la “sua passione” – come lui stesso la definisce – a Cremona, città alla quale è da sempre particolarmente legato.

Il programma della cerimonia prevede, alle 17,30, nella Sala San Domenico del Museo Civico, la presentazione della nuova collezione di strumenti storici musicali, con la partecipazione di Carlo Alberto Carutti e gli interventi del sindaco Oreste Perri, di Irene Nicoletta De Bona, assessore alla Cultura del Comune di Cremona, di Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità ed Autonomie di Regione Lombardia, di Caterina Bon Valsassina, direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Lombardia, di Giovanni Rodella della Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici per le province di Mantova, Brescia e Cremona, di Ivana Iotta, direttore del Sistema museale della Città di Cremona, e infine di Gianni Accornero, esperto di strumenti musicali e curatore della collezione. Alle 18,30 seguirà un concerto della Orchestra La Camerata di Cremona (chitarra solista Luigi Attademo, mandolino solista Ugo Orlandi), direttore Marco Fracassi. Al termine vi sarà la visita guidata alla collezione che, da sabato 14 dicembre, sarà aperta al pubblico negli orari osservati dal Museo Civico “Ala Ponzone”.

La collezione Carlo Alberto Carutti rappresenta oggi uno dei più importanti nuclei internazionali di strumenti musicali a corda, che si distinguono per rarità, qualità, stato di conservazione, fruibilità e talvolta per l’appartenenza a celebri personaggi del mondo della musica, dell’aristocrazia e della nobiltà dell’epoca. L’insieme, che ripercorre quattro secoli di storia della grande liuteria a corda europea, è composto da oltre sessanta strumenti a corde pizzicate e sfregate. Oltre ad alcuni interessanti esemplari di violini, viole, pochettes e viole d’amore, sono presenti una cinquantina di strumenti a corde pizzicate fra i quali chitarre battenti, eptacorde, decacorde e ‘en bateau’, oltre a preziose chitarre settecentesche e ottocentesche, realizzate da celebri costruttori, fra i quali ricordiamo Fedele Barnia, Jean Baptiste Voboam, Gerard Deleplanque, Jean Nicolas Lambert e ancora Gaetano e Carlo Guadagnini, Giovanni Battista e Gennaro Fabricatore, Joseph e Louis David Pons, René Lacôte, Nicolas Grobert e Antonio de Torres. Completano il corpus della collezione alcune rare english-guitars, ghironde oltre a numerosi mandolini e alcuni liuti. Da ultimo va evidenziata la presenza di una splendida chitarra costruita a Mirecourt da Aubry-Maire e appartenuta al cantante spagnolo Lorenzo Pagans; la stessa chitarra appare imbracciata da Pagans nel celebre dipinto di Degas, oggi conservato al Musée d’Orsay a Parigi.

Per rendere più appetibile il Sistema Museale cremonese, la Giunta ha deciso, su proposta dell’assessore alla cultura De Bona, di rinnovare anche per il prossimo biennio, la convenzione con Touring Servizi, in scadenza il 31 dicembre. La convenzione è attiva dal 2003 e prevede che, a fronte della promozione dei Musei di Cremona da parte del Touring ai propri associati, vengano riconosciute  agevolazioni sui biglietti di ingresso al Sistema Museale. Considerata la natura dell’istituzione partner e  la promozione dei Musei del Sistema derivante dall’essere inseriti nel circuito del Touring, la Giunta comunale ha autorizzato il dirigente alla firma della  nuova convenzione, che scadrà il 31 dicembre 2015.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti