15 Commenti

Nuovo centrodestra, pieno sostegno a Perri "Inaugurato nuovo modo di amministrare"

ncd

Puntano sui numeri e sui risultati raggiunti in quasi 5 anni di amministrazione Perri, i consiglieri del Nuovo centrodestra che ribadiscono il pieno sostegno al sindaco uscente nella speranza che si ricandidi. Mariella Marussich, Carlo Zani (prossimo capogruppo), Laura Anni e gli assessori Federico Fasani e Jane Alquati hanno voluto ribadire pubblicamente sabato mattina, a SpazioComune, il pieno appoggio politico del neonato gruppo sorto dal congelamento del Pdl, e non si sbilanciano sull’eventualità di altri scenari possibili nel caso in cui Perri decidesse di non ricandidarsi. “Il sindaco ha sicuramente il desiderio di continuare a lavorare per la città, cinque anni possono sembrare tanti, ma non lo sono”, afferma Fasani, “ma ci sono sfacettature e risvolti personali da considerare”. “Lui desidera andare avanti – aggiunge Alquati  – probabilmente il periodo di Natale servirà a chiarire anche alcuni aspetti personali , ma è un uomo responsabile, capisce l’importanza di portare avanti il progetto di amministrazione che ha avviato, con un deciso cambio culturale rispetto alle amministrazioni precedenti”.

I consiglieri enumerano i successi dell’amministrazione, spesso oscurati – lo ammette Fasani – da qualche pasticcio comunicativo. E’ il consigliere Zani a dare le cifre: patto di stabilità rispettato negli ultimi 4 anni; riduzione del personale dipendente di 72 unità da inizio mandato; spesa per incarichi e consulenze passata da 1,3 milioni a 400mila euro nel 2013 con la prospettiva di scendere a 280mila l’anno prossimo, di cui la metà derivante da finanziamenti esterni; spese per indennità e gettoni di presenze passate da 802mila a 560mila euro tra 2008 e 2013, spese per trasferte da 32mila a 3mila. “L’amministrazione Perri è riuscita in questi quattro anni a mettere in campo 59,5 milioni di investimenti,  pur riducendo il proprio indebitamento a breve, passato da 36 a 15 milioni”. Successi che, secondo NCD, sono stati spesso oscurati da polemiche anche interne alla maggioranza. Ma è il nuovo modo di intendere l’amministrazione pubblica impresso dal centrodestra a segnare, secondo i consiglieri, la vera differenza rispetto al passato: “Abbiamo iniziato una traiettoria nuova – afferma Marussich – una nuovo modo di gestire il Comune che punta sul contenimento delle spese e sulla capacità di attrarre investimenti privati. Un esempio, elogiato anche nella recente visita da Carlo Cottarelli, è la rinuncia del sindaco all’auto blu”. Chiarisce ulteriormente Fasani: “Dopo anni in cui la gestione della spesa pubblica è avvenuta in un certo modo, si è innescato un meccanismo virtuoso per cui l’amministratore non è più il soggetto che distribuisce contributi,  ma sa valorizzare le risorse pubbliche e private, le sa convogliare e attinge ai bandi per procurarsi risorse esterne. Solo nel mio settore, l’urbanistica, penso al bando Aster. Forse non si vede, ma molte opere pubbliche attualmente in corso sono possibili solo grazie al contributo di privati”.

Lunedì consiglio comunale ancora con i vecchi gruppi Pdl, perchè la ricomposizione delle commissioni sulla base dei nuovi raggruppamenti  FI (non ancora costituito) e NCD va più per lunghe del previsto, ma dal prossimo anno si cambia. Tra i temi caldi da affrontare al più presto: il riassetto organizzativo, che – afferma Alquati – non è per niente archiviato e rimandato. “Ci incontreremo su questi temi già la settimana prossima e se ne dovrà necessariamente occupare la prossima amministraazione, anche per via dell’eliminazione della figura del direttore generale dall’organigramma”.  Un rinnovamento della macchina comunale che sta costando scontri e sofferenze interne alla maggioranza, ma che il centrodestra sa di dover affrontare. Anche per questo NCD punta alla riconferma elettorale, visto che, conclude Marussich, “Roma non è stata fatta in un giorno”.

g.b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gio

    Poveretti.

    • PiovonoPietre

      Si può spiegare meglio ?

  • Giacomo

    Lo stesso Perri ha dichiarato che per ricandidarsi vuole una squadra. Lui stesso certifica con queste parole il fallimento di questi ultimi 5 anni, in paricolare proprio quello dei suoi assessori.

  • Tre

    Già un nuovo modo…coi piedi!

  • Gigi

    La nuova democrazia cristiana si presenta con il solito modo falso e mellifluo raccontando panzane agli elettori. Sono stati un fallimento totale dal sindaco in giù, solo maggiori tasse per i cremonesi e opere pubbliche tutte pagate da Arvedi, è ora che vengano sostituiti con gente seria… e onesta.

    • sandra

      Si. Magari come le accoppiate Corada – Baldani , Bodini – Caon o peggio del peggio Garini – Tadioli. Dalla padella alla brace.

      • Gigi

        dire Bodini-Caon e dire Perri-Nolli-Albertoni è la stessa cosa. Questa gente rappresenta la vecchia partitocrazia. Vivono nel palazzo e non si accorgono che la gente li aspetta fuori con i forconi in mano. Serve un vero cambiamento, cari democristiani provate cosa vuol dire andare a lavorareeee!!!!!

        • sandra

          Dire Corada Baldani invece e ‘ diverso secondo lei ?

          • Gigi

            Non mi sembra che alle prossime elezioni si candideranno Corada e Baldani. Invece quelli del NCD vogliono che si ricandidi Perri, la brava persona incapace di fare in sindaco che nel suo mandato si è fatto consigliare da dinosauri della vecchia politica, gente senza arte ne parte. Basta, serve aria nuova e gente competente, Perri e compagni hanno già fatto troppo danni e alzato troppe tasse.

  • sandra

    Come diceva la canzone ? Uno su cinque ce la fa ! Prevedo coltellate tra gli alfaniani per ricandidarsi, perché la trippa per gatti e’ troppo poca ma la fame e’ tanta , e se sperano nelle nomine…
    Una previsione , facile facile : se ci sarà una nuova giunta Perri riconferma per Fasani. Gli altri della foto non riusciranno neppure a mettere piede in consiglio comunale.

    • PiovonoPietre

      Non capisco cosa c’entrino le nomine, la parola agli elettori; a parte l’assessore Alquati,”gli altri della foto” hanno avuto fior di preferenze.
      Un briciolo di invidia ?

      • sandra

        No. Solo sano realismo.

  • zaneen de la bala

    Chi vota ancora questa gente appartenente a partiti politici che hanno disintegrato il paese, è uno squilibrato mentale.

    • PiovonoPietre

      Se l’alternativa è Grillo o il Forcone di turno, “questa gente” fa ancora la sua porca figura.

  • Francesco Capelletti

    Con la consigliera al centro, parafrasando Dalla, l’anno che verrà al Relais Convento anche i frati potranno sposarsi, ma soltanto aduna certa età …