Commenta

'Amleto al termine della notte', progetto teatrale per le scuole

amleto-evid

L’assessorato alle Politiche Giovanili ed Educative del Comune di Cremona promuove il nuovo progetto teatrale ‘Amleto al termine della notte’ in collaborazione con la società cooperativa ‘Il ramo d’oro’, iniziativa che si rivolge agli studenti degli istituti scolastici cittadini ed alle associazioni che si occupano di disabilità. Il nuovo progetto, come le esperienze dei precedenti anni scolastici prevede percorsi con laboratori teatrali completi, che vedono i ragazzi coinvolti tanto sul versante drammaturgico, quanto su quello attoriale e registico relativo alla messinscena dei frammenti individuati e rielaborati.

I percorsi attraverso i laboratori sono pensati per coinvolgere gli studenti di ogni ordine e grado, comprendendo la disabilità, dalla scuola primaria, alla scuola secondaria di primo grado fino alla scuola secondaria di secondo grado e si qualificano come piattaforma sperimentale di incontro per ragazzi di diverse fasce d’età. I laboratori programmati sono 18 così distribuiti: 5 per gli istituti comprensivi, 7 per le superiori, 6 per le associazioni della disabilità. I laboratori sono strutturati per un impegno complessivo di 20 ore, suddivise in 10 incontri di due ore ciascuno, e sono distribuiti nell’arco di tempo che va dalla metà di febbraio alla metà di maggio 2014.
Il nuovo progetto coinvolge le compagnie teatrali Franco Agostino Teatro Festival, Il Mosaico, Teatro Caverna, gli operatori Damiano Grasselli, Max Bozzoni, Mirta Salvoldi, Luisa Arli, Alberto Ghisoni, Mattia Cabrini, Tiziano Sandrini ed Iris Dall’Aglio. Il compito degli operatori è insegnare ai ragazzi a interagire con i testi proposti, aiutarli a scegliere il punto da privilegiare e a individuare che cosa si può trarne. Giocare con il corpo, giocare con le parole perché soltanto dove sono in gioco i linguaggi del teatro la ripetizione non è mai ripetitiva.
Una grande festa di piazza, che si comporrà di tutti i risultati dei laboratori svolti, inaugurerà il festival Amleto al termine della notte che prenderà il via nel terzo fine settimana di maggio: giovedì 15 maggio alle ore 18 in piazza del Comune, Loggia dei Militi, cortile Federico II con “parata finale” alle Colonie Padane/Piazza Marconi, venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 maggio al Teatro Monteverdi.

“Il progetto Amleto al termine della notte – spiega l’assessore alle Politiche Educative Jane Alquati – si propone anche per quest’anno scolastico quale strumento di formazione e di confronto con la città, raccontata e vista dai ragazzi attraverso il linguaggio teatrale. L’iniziativa, che vede coinvolti sia le Politiche Educative che le Politiche Giovanili,  si inserisce nel contesto del Piano del diritto allo studio, approvato lo scorso anno, dal quale proviene il finanziamento di 25mila euro per la realizzazione dell’iniziativa. Si tratta dell’ulteriore dimostrazione che investiamo sui giovani, proseguendo una progettualità che, nei due anni precedenti, ha dato buoni risultati in termini anche di partecipazione”.

Agli alunni delle classi quinte delle scuole primarie e agli studenti delle classi terze delle medie sarà chiesto di lavorare sulla notte, sui sogni e la paura del buio utilizzando pretesti narrativi e ovviamente il proprio vissuto, il tutto attraverso la pratica dei laboratori. L’Amleto al termine della notte si offre insomma come un viaggio nelle nostre paure, nelle incertezze e spavalderie del crescere, nell’anima che si forma, che muta nel buio della notte per riemergere a nuova luce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti