Commenta

Polo Ghisotto, consegnate le chiavi delle nuove sedi alle associazioni

polo-ghisotto

Sono state consegnate in via ufficiale le chiavi delle nuove sedi, presso il Polo Ghisotto, ai titolari delle associazioni: CCSVI nella Sclerosi Multipla; Associazione per la Sclerosi Multipla; ANLAI; Associazione Culturale Le Muse; Associazione Arya; Associazione Dilettantistica Sansebasket; Radio Immaginaria. Associazioni che, a seguito di bando pubblico, hanno ottenuto la concessione di spazi nel Polo delle Attività Ghisiotto di via Calatafimi. La cerimonia si è svolta in tarda mattinata nella Sala della Consulta di Palazzo Comunale.

“Insieme ai miei colleghi di Giunta  – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Giovanili Jane Alquati – abbiamo pensato di mettere a disposizione l’immobile sito in via Calatafimi, pensando ad un radicale cambio di rotta rispetto a quello che era il ruolo del Polo Ghisiotto. L’obiettivo voleva essere quello di assegnare gli spazi a soggetti in grado di rendere la struttura innovativa e a cui i giovani potessero fare riferimento per incontrare coetanei, svolgere attività culturali, educative, ludiche, sportive. Sono particolarmente contenta che tra le realtà che hanno accolto il nostro invito ci sia un’Associazione nata proprio grazie alla collaborazione con il mio Assessorato: l’associazione Arya è nata felicemente anche grazie ad un progetto (tra l’altro non vincitore) del bando Think Town, ma che sono riusciti ugualmente a realizzare grazie alla fattiva collaborazione con i miei uffici. Ora questa Associazione è diventata una realtà consolidata nel territorio cremonese e sono contenta che abbia trovato una sede adeguata dove poter perseguire i propri scopi associativi. All’interno dello stabile sono presenti anche altre Associazioni di giovani e che lavorano con e per i giovani, come Sansebasket, Radioimmaginaria, Associazione Culturale Le muse. Auspico il nascere di nuove sinergie e forze collaborative in grado di dare nuovi impulsi e stimoli alla creatività giovanile”.

“In uno scenario da più parti considerato in fragile ripresa – aggiunge l’assessore all’Urbanistica Federico Fasani – ma ancora fortemente segnato da un passato che mostra evidenti cicatrici, il nostro Comune vuole dare un segnale di ottimismo e di sviluppo. Coinvolgendo il mondo delle associazioni e cercando altresì di migliorare i servizi alla città. Come già avvenuto per la palazzina del Vecchio Passeggio, ora Cittadella dei Servizi alla Persona, si è pensato di sfruttare al meglio un immobile di proprietà comunale, salvandolo in questo modo da un possibile degrado dovuto ad un utilizzo non rispettoso”.

Infine l’assessore Claudio Demicheli ha tenuto a sottolineare il valore delle associazioni attive sul territorio cremonese che hanno manifestato l’interesse ad avere una propria sede. Le associazioni, che da sempre si contraddistinguono da impegno e trasparenza, hanno permesso al Comune di ampliare la propria offerta sociale, di migliorare i servizi alla città e di crescere con ottimi risultati, consolidando il patrimonio del terzo settore.  Demicheli ha inoltro dichiarato che la presenza di un polo di attività in un quartiere periferico rappresenta motivo di sicurezza e tranquillità per le persone che risiedono in quella zona.

Accettando di gestire questi spazi pubblici le associazioni hanno dimostrato di essere interessate a promuovere progetti complessi ed articolati, sostenendo la realizzazione di azioni innovative. Oggi è stato loro affidato un immobile in una periferia importante della città: ne potranno disporre  con autonomia ed indipendenza dando vita a nuove attività.  Nonostante il momento delicato, si è infatti pensato ad un modello di struttura di grande attualità, il modello della sede condivisa e partecipata, nel rispetto dell’autonomia e della specificità che ha ogni associazione.
Scaduti i termini del bando e valutate attentamente le numerose richieste pervenute, l’Amministrazione comunale ha messo l’immobile sito in via Calatafimi, noto come Polo Ghisiotto,  a disposizione delle seguenti associazioni:CCSVI nella Sclerosi Multipla; Associazione per la Sclerosi Multipla; ANLAI; Associazione Culturale Le Muse; Associazione Arya; Associazione Dilettantistica Sansebasket; Radio Immaginaria . La struttura sorge in zona Zaist ed è realizzata con accordi e concessioni di locazione alle singole realtà che ne hanno fatto richiesta.
L’obiettivo era di assegnare gli spazi disponibili a soggetti che potessero rendere la struttura innovativa e alla quale i giovani potessero fare riferimento per incontrare coetanei, svolgere attività culturali, educative, ludiche, sportive, oltre a fruire di accompagnamento allo studio ed alla professione. Le associazioni di giovani o che lavorano per i giovani e, in subordine, i soggetti del terzo settore, hanno dimostrato di possedere una struttura adeguata a gestire progetti complessi ed articolati, con priorità alle realtà che hanno la propria sede a Cremona. In particolare i soggetti che opereranno all’interno della struttura dovranno promuovere e sostenere la realizzazione di azioni innovative in particolare negli ambiti del no profit, della cultura, dello sport, della creatività, dell’espressività e dell’imprenditoria giovanile.
Un traguardo fondamentale quello di poter finalmente disporre di una struttura e di assicurare autonomia e indipendenza alle associazioni del territorio, sempre contraddistinte da impegno e trasparenza, che hanno permesso al Comune di ampliare la propria offerta sociale e di crescere con ottimi risultati, consolidando il patrimonio del terzo settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti