Un commento

Ciclo idrico, Pd: la Provincia si sbrighi con l'affidamento

Lettera scritta da Matteo Piloni

In questi ultimi giorni si sono lette dichiarazioni sul futuro del ciclo idrico integrato in provincia di Cremona, che pongono l’accento sulle nomine, ancora da effettuare, di Padania Gestione e che, al contrario, dimenticano la vera priorità che è l’affidamento, processo che partirà dopo la celebrazione dell’assemblea straordinaria di PAG per l’adozione del nuovo Statuto. E’ bene ricordare che l’affidamento, per le caratteristiche dello Statuto adottato, è  “in house” per l’intera durata del Piano d’ambito (20 anni). Questo lo impone anche il nuovo Metodo Tariffario Idrico per il periodo 2014-2015 in corso di approvazione da parte dell’ATO   entro l’imminente termine del 31 Marzo 2014.

Se quanto sopra si conferma è il caso che l’attenzione della politica si concentri sulle procedure di affidamento, di cui è competente la Provincia. Procedimento per il quale serve da subito una delibera del CDA ATO (magari supportato da un indirizzo di Giunta che riprenda la delibera di Consiglio Provinciale di approvazione dello Statuto) per l’affidamento provvisorio nelle more della procedura di affidamento definitivo, che assegni a Padania Gestione un piano d’investimenti relativo alle emergenze, arsenico e scarichi in-depurati per esempio,  al fine di scongiurare le procedure di sanzione previste per il 2015 e consenta di utilizzare residuali risorse a fondo perduto regionali (circa 3 milioni) per un complessivo di interventi stimabili tra 8 e 10 milioni di euro.   Il futuro Gestore è in grado di far fronte a questi investimenti fin da subito con disponibilità proprie, senza contare che presso l’ATO sono depositati parecchi milioni ad oggi non utilizzati. Non si tratta solo di tecnicismi, ma di sostanza politica. Il processo di affidamento, infatti, potrebbe contribuire all’economia del nostro territorio e ulteriori ritardi rischiano solo di indebolire l’economia idrica cremonese.

Matteo Piloni – Segretario provinciale Pd

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • H20

    Chissà perchè per i rifiuti il PD cremonese si richiama ad una inesistente decisione dell’europa e sull’acqua invece vuole fare ciò che l’europa vieta. Un affidamento diretto senza gara è una sconceria degna solo di una banda di furbetti.