Commenta

Dopo trecento anni torna a casa lo Stradivari ex Bello 1687

patuzzi-evid

Venerdì 4 aprile presso il Museo del Violino di Cremona, l’ANLAI in collaborazione con la Direzione del Museo presenterà alle ore 10,30 uno degli strumenti di Stradivari più importanti e  una delle  migliori opere del primo periodo del grande maestro. l’ex-Bello-Marie Low del 1687.  Sono previsti interventi della direttrice del Museo Virginia Villa, del conservatore Fausto Cacciatori, dell’esperto dell’ Anlai Gualtiero Nicolini e del maestro Maurizio Tadioli.

Lo strumento, di cui non si hanno notizie certe per  circa  un secolo, nel 1875  fu acquistato da Hart & Son e fu poi alienato a George Parson; fu quindi suonato successivamente per alcuni  anni all’inizio del Novecento dalla violinista Marie Low per passare nel 1910 a John Lawson. Dopo una decina d’anni fu acquistato dalla casa Hill & Son e ceduto a Robert A.Bower; quindi da Rudolph Wuyrlitzer al musicista J.Mariano Bello, per poi tornare poco dopo ancora a Wurlitzer  e successivamente a Jacques Francais sino al 1997, quando fu acquistato da un collezionista americano che vuole mantenere l’anonimato per ragioni di sicurezza. Il programma della giornata prevede alle ore 11,30 l’esibizione della violinista svizzera Maristella Patuzzi che farà ascoltare la voce dello strumento che ritorna nella città in cui ha avuto i natali per la prima volta dopo più di 300 anni nell’Auditorium Giovanni Arvedi  in una breve audizione. Lo Stradivari ex Bello -Marie Low resterà esposto in una sala del Museo del Violino sino alle ore 14,00 per poi essere  trasferito a Crema per il concerto serale e la registrazione della TV Cremona 1.

La violinista si esibirà poi in serata al teatro San Domenico di Crema, in un concerto accompagnata al piano dal padre m° Mario Patuzzi  docente al Conservatorio di Como, con musiche di Ernest Bloch, Othmar Schoeck, Camille Saint-Saën e Maurice Ravel. L’artista ha tenuto dal 2002 concerti come solista in varie parti d’Europa ed in America. Tra l’altro nel 2013 ha eseguito e registrato in prima assoluta il Concerto per violino e archi di Manuel De Sica, all’Auditorium Niccolò Paganini di Parma, con l’Orchestra Arturo Toscanini diretta da Flavio Emilio Scogna.

Il concerto è a entrata libera e libera offerta a favore  delle associazioni “CCSVI nella Lombardia”  e “Associazione per la Sclerosi Multipla Crema”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti