Commenta

Notte dei musei, pathos filo conduttore Eventi al via

nottemusei-evid

Numerosi gli appuntamenti che precedono La Notte dei Musei in programma sabato 17 maggio. Il prologo della manifestazione, il cui tema portante questanno è il pathos, si terrà mercoledì 14 maggio, alle ore 17,00, nella Sala San Domenico del Museo Civico, con una tavola rotonda, introdotta dallassessore alla Cultura Irene Nicoletta De Bona, che darà modo di ascoltare personaggi legati alla città raccontare la passione per lattività svolta: Carlo Alberto Carutti, la passione di una collezionista, Massimo Rivoltini, la passione di un imprenditore, Sergey Krylov, la passione di un musicista, Stefano Trabucchi, la passione di un liutaio, don Alberto Mangili, la passione di un uomo di fede, Cesare Beltrami, la passione di uno sportivo, e Piero Lombardi, la passione di un operatore del sociale.

Un altro appuntamento decisamente stimolante è quello in programma giovedì 15 maggio, alle 17,00 nella Sala Puerari del Museo Civico, quando lo storico dellarte Francesco Ledda e la giornalista Mariella Cortes parleranno di Rocco Capellino: un architetto militare cremonese al servizio di Carlo V. Lincontro è dedicato alla figura di Rocco Capellino, architetto cremonese, al servizio di Carlo V, attivo in Sardegna a partire dal 1552. I relatori offriranno una panoramica sulle vicende storico, politico e culturali del Cinquecento Europeo attraverso lettere, cronache e relazioni del tempo per analizzare la questione relativa alla necessità di fortificare la Sardegna, già da tempo sotto la minaccia ottomana. Con la fine del giudicato di Arborea e la progressiva dominazione spagnola la Sardegna si ritrova infatti a dover rinnovare completamente il suo sistema difensivo: le città si trasformano in vere roccaforti con lelaborazione di un complesso sistema di fortificazione costiera in funzione antipiratesca. Larchitetto
militare cremonese, Rocco Capellino, avviò il progetto di fortificazione costiera dellIsola delle città di Cagliari, Oristano, Alghero e Sassari. Le opere principali realizzate sono ancora oggi visibili nellimpostazione dei bastioni di Cagliari: la Porta dei leoni, sulla quale campeggiava liscrizione dedicatoria e gli altri bastioni da lui realizzati sono opera tangibile della sua attività così come il circuito fortificato della piazzaforte di Alghero. Rocco Capellino viene raramente citato e sono pochi gli studi che lo riguardano. La città di Cagliari gli ha comunque dedicato una via.

Sempre in attesa degli appuntamenti di sabato, da segnalare la mostra, aperta fino al 17 maggio alla Biblioteca Statale divia Ugolani Dati, 4, Antichi libri di scienza. Lunitarietà e la bellezza della scienza attraverso il patrimonio della Biblioteca Statale di Cremona (dal martedì al venerdì dalle 9,00 alle 17,30 – lunedì e sabato dalle 9,00 alle 13,30).

AllIstituto TecnicoJ.Torrianigiovedì 15 maggiodalle ore 19,30 alle ore 23,30, va in scena Notte al Museo Torriani Lacqua da Archimede a Janello. Sempre giovedì 15 maggio alle ore 18 Il Triangolo, Circolo culturale di vicolo della Stella, 14 ospita SentimentoEmozionePathos con opere di Gianfranco Ferroni, Piero Guccione, Giovanni Testori e Federico Romero Bayter (a cura di Tiziana Cordani e Mariarosa Ferrari Romanini, in collaborazione con CassaPadana).

E poi, venerdì 16 maggio alle ore 17,00 – Museo della Civiltà ContadinaIl CamboninoPathos in cascina, letture di Anna Paulinich e Gigi Varoli, tratte dal libroDiversamente giovaniLa cascinadi Adriana Aroldi. Dal 16 al 30 maggio allArchivio di Stato di via Antica Porta Tintoria la mostra Memorie e cronache: emozioni e sentimenti di fronte ai grandi eventi (aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 15,00).

Venerdì 16 maggio, dalle 15,00 alle 17,00, al Museo di Storia Naturale torna lappuntamento con il seminario in collaborazione con lAccademia Egizia di Genova I complessi piramidali: archeologia e arte nellimmortalità nellantico Regno, mentre prosegue sino all‘8 giugno la mostra del fotografo Pietro Diotti Le forme della passioneche dopo il sogno la passione impressa rimane, a cura di Stradivariazioni, Casa Stradivari, corso Garibaldi, 57 (dalle 15,00 alle 17,00 dal giovedì al sabato).

Cielo senza barriere è il nome delliniziativa in programma sabato 17 maggio, alle 10,00, allaeroporto del Migliaro: le persone disabili potranno avvicinarsi al mondo del volo con delle piccole lezioni teoriche e anche con una esperienza di volo. Sono inoltre previsti dei lanci in tandem con il paracadute e collegamenti con il resto del mondo grazie alla collaborazione dei radioamatori di Cremona. Sempre al Migliaro, alle 16,30, sarà va in scena il Pathos acrobatico con le pattuglie aeree WeFly! team e Blue Voltige, iniziativa promossa da Agropolis Cooperativa Sociale in collaborazione con AeroClub Cremona, WeFly Team e Sky Team Cremona.

Sempre aspettando gli appuntamenti che scandiranno La Notte dei Musei, sabato 17 maggio, dalle 17,30-19,00, a cura di Stradivariazioni, Casa Stradivari, corso Garibaldi, 57, …Cinquanta messe sopra il corpo…, momenti teatrali e musicali: ideazione e scene di Antonia Stradivari al violoncello barocco Felipe Leon. Infine, sempre sabato 17 maggio, ma alle ore 18.00, al Museo della Civiltà Contadina il concerto del Coro Lauretano, diretto da Giovanni Greco, a chiusura della mostra dedicata a padre Silvio Pasquali allestita al Museo Cambonino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti