Commenta

Grande jazz il 1 giugno in piazza Duomo con il duo Rava-Pozza

rava pozza-evid

Giornata inaugurale per le Corde dell’Anima, il festival di musica e letteratura che ogni anno fa il tutto esaurito in piazza del Comune. Il debutto del ricco cartellone è previsto per oggi, 30 maggio, ma le previsioni di maltempo hanno fatto spostare tutte le manifestazioni  presso il teatro Ponchielli. Tra le attrazioni della prima giornata: Andrea Delogu -Paola Turci; Teresa De Sio; Lorenzo Beccati – Lou Dalfin; Ildefonso Falcones – Duende Flamenco.

Tra gli appuntamenti di punta di domenica 1 giugno, il duo jazzistico di tromba e pianoforte formato da Enrico Rava e Andrea Pozza, di scena in piazza del Comune (a meno di variazioni) alle ore 21. Concerto gratuito come tutti gli altri appuntamenti della rassegna.  I due musicisti si esibiranno nello spazio “Letteratura e Musica si incontrano” durante l’incontro con lo scrittore svedese Arne Dahl in una conversazione con Luca Crovi.

Andrea Pozza, attualmente tra i pianisti più richiesti a livello europeo ed Enrico Rava, tra i nomi più noti del panorama jazzistico internazionale, si conoscono musicalmente da sempre. Pozza, per cinque anni, ha fatto parte del quintetto di Rava (dal 2004 al 2008) con il quale si è esibito in tutto il mondo. “Andrea Pozza è un musicista molto speciale. – afferma Enrico Rava – Non parla molto di sé, non inonda la scena di dischi, non è esibizionista. Andrea Pozza si limita a suonare. E come suona!”.

“Non era facile sostituire Stefano (Bollani) nel quintetto. – racconta Enrico Rava nel suo ultimo libro  “Incontri con musicisti straordinari” edito da Feltrinelli nel 2011 – Mi venne un’idea che, pur suscitando lì per lì non poche perplessità, alla fine si rivelò vincente. Andrea Pozza, jazzista puro. Fraseggio impeccabile, grande swing, ma poco avvezzo ad aperture come quelle che caratterizzano la mia musica. Fin dal primo concerto ci si rese conto che avevo ragione io. Un anno dopo registravamo a Udine The Words and the Days, in cui gli interventi di Andrea Pozza sono tra le cose più belle di un disco riuscitissimo. Continuavamo a lavorare molto. Festival in Belgio, Olanda, Francia, Argentina, Brasile, Canada e ovviamente Italia. Una settimana memorabile al Blue Note di Tokyo: il paradiso del musicista. […]».

Il prestigioso duo Pozza-Rava presenterà melodie e brani tratti dalla miglior tradizione jazzistica: dagli standards più antichi come Cheek to Cheek a brani, particolarmente cari a Rava, tratti dal repertorio di Miles Davis e Chet Baker, a qualche incursione nella musica brasiliana di Jobim; il tutto elaborato in maniera originale dalla personalità di Enrico Rava e Andrea Pozza. Enrico Rava è sicuramente il jazzista italiano più conosciuto ed apprezzato a livello internazionale. Da sempre impegnato nelle esperienze più diverse e più stimolanti, è apparso sulla scena jazzistica a metà degli anni sessanta, imponendosi rapidamente come uno dei più convincenti solisti del jazz europeo. La sua schiettezza umana ed artistica lo pone al di fuori di ogni schema e ne fa un musicista rigoroso ma incurante delle convenzioni.

Andrea Pozza ha una solida carriera nazionale ed internazionale ed è riconosciuto dalla critica e dal pubblico come una delle personalità più rappresentative in ambito jazz attualmente in circolazione. Pianista eclettico capace di affrontare con grande disinvoltura qualsiasi repertorio, è sia leader carismatico sia partner ideale per grandi artisti che trovano in lui empatia e innato interplay. Andrea Pozza ha debuttato a soli 13 anni e da allora si è esibito al fianco di alcuni “mostri sacri” della storia del jazz: Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, George Coleman, Charlie Mariano, Lee Konitz, Sal Nistico, Massimo Urbani, e molti altri ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti