Commenta

Muti al Ponchielli con l'Orchestra Cherubini il 15 dicembre

muti

Riccardo Muti e l’Orchestra Cherubini al Teatro Ponchielli di Cremona lunedì 15 dicembre. Muti, nel segno di un sempre più intenso rapporto con l’orchestra che lui stesso ha fondato, il prossimo dicembre tornerà a dirigere l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini in una straordinaria tournée di concerti che toccherà alcune delle realtà musicali e dei teatri più significativi d’Italia.

Una tournée che prenderà le mosse il primo dicembre dal nuovo auditorium dell’Opera di Firenze, per poi passare a Napoli, per il concerto che concluderà le celebrazioni dedicate a Niccolò Jommelli, nella storica sede del Conservatorio di musica San Pietro a Majella, dove a Muti, che li ha studiato, è stata recentemente intitolata una sala.

Ma il sud della penisola sarà veramente al centro della tournée, che da Napoli arriverà in Puglia, dove la Cherubini si esibirà in ben tre concerti. Il 10 dicembre a Foggia e il giorno dopo ad Altamura, in entrambi i casi l’orchestra sarà chiamata a celebrare la riapertura di storici teatri: da una parte il teatro Umberto Giordano di Foggia, dall’altra il Saverio Mercadante di Altamura. Il 13 dicembre sarà poi la volta del Petruzzelli di Bari, dove Muti ha già diretto la Cherubini nel dicembre del 2009. La tournée si chiuderà il 15 dicembre al Teatro Ponchielli di Cremona (ore 20,30, i prezzi di biglietti e la data di vendita saranno comunicati prossimamente).

“Una tournée che abbiamo definito in tempi brevissimi – sottolinea Mario Salvagiani, Presidente dell’Orchestra – a seguito della decisione del Maestro Muti di rinunciare alla direzione dell’Aida all’Opera di Roma e dell’indicazione di volersi dedicare da questo momento in poi, in Italia, soprattutto ai giovani musicisti della Cherubini. Desidero anche ringraziare – aggiunge ancora Salvagiani – i responsabili dei teatri, che da tempo ci avevano chiesto di poter ospitare la Cherubini, per aver confermato immediatamente le date che abbiamo proposto”.

Sarà un’occasione per dare risalto al prezioso lavoro di formazione dei giovani musicisti che Riccardo Muti sta conducendo con questa orchestra da ben dieci anni e che, dal primo concerto (13 dicembre 2004) a Piacenza dove ha sede, l’ha portata, con organico periodicamente rinnovato, ad esibirsi con successo in molti teatri italiani nonché per le più prestigiose istituzioni internazionali: dal Festival di Pentecoste a Salisburgo – dove è stata protagonista del progetto quinquennale dedicato al Settecento napoletano -, alla Sala d’oro del Musikverein di Vienna, dai teatri di Madrid, Parigi, Buenos Aires a quelli di Mosca e San Pietroburgo. Percorsi che si intrecciano all’annuale residenza estiva al Ravenna Festival, che l’ha coinvolta da protagonista in innumerevoli produzioni operistiche nonché nei concerti per le Vie dell’amicizia, l’ultimo ai piedi del sacrario di Redipuglia nel centenario della Grande Guerra, insieme a musicisti provenienti da orchestre di tutto il mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti