Commenta

Il Piccolo Baobab lascia galleria del Corso e si trasferisce in via Milano

baobab-evid

Nuovo progetto imprenditoriale – il che non è poco in tempi di crisi – ma anche la conferma del ruolo sempre meno attrattativo degli spazi commerciali in centro storico. Il Piccolo Baobab, particolare bar – ludoteca espressamente rivolto alle famiglie con bambini piccoli, ha lasciato i locali dell’ex bar Excelsior, in Galleria del Corso e inaugura un nuovo spazio nell’ex Soirè in via Milano 6, avviando una collaborazione con Tramonti by Night della famiglia Vigilante, già proprietaria della Pizzeria Tramonti. L’associazione culturale “Il Piccolo Baobab” che qualche anno fa aveva inaugurato una formula nuova, per una città come Cremona per tenere insieme attività per bambini e momenti di incontro per genitori, apre uno spazio (denominato  ‘Baobab by Tramonti’), aperto dal lunedì al venerdì dalle 07.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00 e sabato e domenica dalle 16.00 alle 19.30. Quindi, nella fascia oraria successiva, il locale torna ad essere ‘Tramonti by Night’ con le sue proposte e la sua cucina. L’inaugurazione del nuovo spazio è in programma oggi, sabato 17 gennaio a partire dalle 16 (domenica si replica), con area giochi attrezzata, gonfiabile e animazione per bambini nello stile che ha sempre caratterizzato l’attività sotto la Galleria.

Necessità economiche e necessità di rinnovamento, in una città statica, come spiega uno dei responsabili dell’associazione Guido Ruggeri: “Il periodo storico nel quale ci troviamo rende questa iniziativa ancora più importante. In uno scenario commerciale nel quale la crisi economica mondiale detta legge, la voglia di rilanciare con nuove proposte è sempre più merce rara. Per questo abbiamo unito le necessità imprenditoriali e i bisogni di una città che è anche in crisi di servizi”.  Un progetto culturale, oltre che imprenditoriale, che in una città a bassissima natalità come Cremona rappresenta una sfida coraggiosa. Sfida che però in centro storico, in una Galleria senza passaggio e priva della comodità di un parcheggio nelle immediate vicinanze,  è ormai impossibile portare avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti