Commenta

Assassino e rapinatore seriale: altri 14 anni a Pierluigi Castellani

Nella foto, Pierluigi Castellani

PADOVA – Pierluigi Castellani è stato condannato a 14 anni di reclusione. Nato a Casalmaggiore 53 anni fa, l’uomo si era reso protagonista di una serie di rapine a Padova: tra il 5 ottobre ed il 5 novembre 2013 aveva messo a segno sei colpi in città che avevano seminato il terrore. Agiva con rapidità e violenza, assalendo con un sasso donne a passeggio per poi rapinarle della borsetta. Agguati che hanno messo a repentaglio la vita delle persone aggredite. E pensare che una vittima, Pierluigi Castellani, l’aveva fatta nel 1988, all’età di 27 anni, quando rapinò e uccise Giovanni Pasini, gestore di un’area di servizio a Cingia de’ Botti. Lo freddò con tre copi di pistola che gli ‘costarono’ 12 anni di carcere.

All’epoca l’assassino risiedeva a San Martino del Lago. Finito in cella, nel 2000 ottenne un riconoscimento per i lavori svolti dietro le sbarre ed una volta uscito dalla galera non ha perso tempo ed è tornato a delinquere spacciando droga. Nel 2009 venne trovato a Gorizia con mezzo chilo di hashish: arrestato nuovamente, Castellani era uscito dal carcere a marzo del 2013. Sette mesi dopo divenne rapinatore seriale e violento: il 5 novembre venne arrestato a Padova e tornò dietro le sbarre al carcere Due Palazzi. Il tribunale collegiale presieduto dal giudice Claudio Marassi ha letto la nuova pena davanti al legale difensore di Castellani, l’avvocato Rodolfo Romito: 14 anni e un risarcimento di 50mila euro alla vittima più grave dei suoi agguati predatori.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti