Commenta

Imu, da Comune stop al servizio di conteggio: 'Non è obbligatorio Così possiamo rafforzare accertamenti'

comune-evid

Il Comune di Cremona ha deciso di non erogare più il servizio di conteggio relativo all’Imu. “Non rientra fra i nostri obblighi”, spiegano da Palazzo comunale. La scelta è stata fatta per rafforzare l’attività di accertamento. La decisione della Giunta è stata resa nota venerdì mattina: “Con l’obiettivo di massimizzare l’attività di accertamento, è stato deciso di non erogare più il servizio non obbligatorio riguardante il rilascio ai contribuenti del conteggio dell’Imposta Municipale Propria dovuta e consegna del modello F24 per il relativo versamento”.

“Tale servizio non rientra fra gli obblighi istituzionali dell’Ente – si legge in una nota dell’Amministrazione -. Inoltre, dal 2012 (anno di entrata in vigore dell’IMU) al 2014, il servizio ha impegnato il personale del settore in prossimità di ciascuna scadenza di pagamento (acconto 16 giugno – saldo 16 dicembre), per un periodo di circa due mesi, per l’intero orario giornaliero di apertura al pubblico. In questo periodo, l’ordinaria attività degli uffici subisce inevitabilmente un arresto, a discapito degli obiettivi dell’Amministrazione che prevedono di massimizzare l’attività accertamento nel rispetto del principio di equità tributaria e contestuale salvaguardia degli equilibri di bilancio, attività che richiedono un impegno assiduo e costante da parte di tutto il personale del Settore Entrate”.

“Resta garantito – assicurano da Palazzo comunale – il servizio di consulenza generale relativamente ai tributi locali (IMU, TASI, TARI) riguardante principalmente il rilascio di chiarimenti in merito agli avvisi di pagamento emessi, interpretazioni normative, presentazione di denunce, dichiarazioni e istanze, modalità di versamento, corretta applicazione delle aliquote. Continua anche il servizio di consulenza telefonica al numero dedicato 0372 4073100372 407310 che, in collaborazione con il personale di SpazioComune, fornisce informazioni di primo livello circa le domande più frequenti poste dai contribuenti. Inoltre, sul sito del Comune di Cremona è stato predisposto un apposito link per permettere il libero accesso ai contribuenti, in modo molto semplice diretto ed intuitivo, all’applicativo per il conteggio dell’imposta dovuta (IMU e TASI) con contestuale rilascio del modello F24 di pagamento debitamente compilato”.

“Infine – si legge ancora nella nota – sono messi a disposizione dei contribuenti, presso gli uffici del Servizio Entrate e di SpazioComune, opuscoli informativi specifici per ciascun tributo, contenenti le informazioni principali alle quali è possibile far riferimento per effettuare autonomamente il conteggio ed il versamento dell’imposta dovuta. Inoltre, cogliamo l’occasione per comunicare che da quest’anno gli avvisi di pagamento Tasi vengono emessi direttamente dal Comune di Cremona con l’indicazione dell’importo da pagare, così come avviene per la Tari. Il contribuente è quindi facilitato nella definizione dell’importo dovuto. Ciò consente al Comune una maggiore tempestività nel controllo degli avvenuti pagamenti e di riflesso dei ritardati pagamenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti