14 Commenti

Pizzetti 'pontiere' con minoranza Pd sulla legge per il nuovo Senato

Luciano Pizzetti, cremonese sottosegretario alle riforme, e il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina (entrambi Pd), con una lettera pubblicata oggi sul “Corriere della Sera” tentano di far rientrare il dissenso all’interno del Pd sul nuovo Senato aprendo ad un listino eletto ad hoc con le elezioni regionali. Nella lettera si chiede di dar vita a “Forme di partecipazione diretta dei cittadini alla composizione del nuovo Senato, da stabilire per principio in Costituzione e regolate con legge ordinaria”, perchè “è importante che la figura del senatore coincida con quella del consigliere regionale, se saltasse questa connessione si tornerebbe al classico sistema bicamerale, con un Senato semplicemente ridotto nelle funzioni. Così come sarebbe necessario che i presidenti di Regione entrassero di diritto nel nuovo Senato”. “La stagione del regionalismo -aggiungono- non è morta, ed anzi occorre rilanciarla dandole maggior impulso e rinnovata legittimazione. Viceversa si ripresenterà sotto forma di più forti divisioni e lacerazioni del sistema nazionale. Perciò una riflessione ulteriore andrebbe condotta sul Titolo V per metterlo meglio a punto. Rivolgiamo per queste ragioni un appello a tutto il Pd affinché su basi comuni e legittimanti si possa costruire un sistema repubblicano rinnovato”.
Nella proposta, sostanzialmente,  quando l’elettore andrà a votare per il consiglio regionale troverà sulla scheda i nomi già stampati dei candidati che, se eletti nell’ente territoriale, andranno a far parte del Senato. Se il primo del «listino» non ce la dovesse fare, scatterebbe il secondo e così via.
Il compromesso vede come promotori oltre a Pizzetti e a Martina, anche la presidente della Commissione Finocchiaro, il capogruppo dei senatori Pd Luigi Zanda e Gaetano Quagliariello di Ncd.
La proposta che sta marciando velocemente a dimostrazione del ruolo che Luciano Pizzetti sta avendo all’interno del partito, ha un punto fermo nel fatto che non è messa in discussione la «connessione» tra la figura del consigliere regionale e quella di senatore dell’assemblea delle autonomie territoriale. Come richiesto dal Ministro Boschi e dallo stesso premier Renzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Miguel Gotor respinge la mediazione di Maurizio Martina e Luciano Pizzetti sulla riforma del Senato, grande PD….se può farsi del male, insiste.

  • Nokia

    Miguel Gotor respinge la mediazione di Maurizio Martina e Luciano Pizzetti sulla riforma del Senato, grande PD….se può farsi del male, insiste.

  • Deo Fogliazza

    Ho avuto parecchi motivi di contrasto politico, negli anni, con Luciano Pizzetti. Questo non mi ha impedito di apprezzarne l’attività di questi mesi, nel decisivo settore delle Riforme istituzionali. E di sostenere l’attuale iniziativa di mediazione politica firmata con Maurizio Martina. Se posso dire: finalmente qualcuno che ragiona di politica. Spero tanto che anche nella minoranza dem prevalga un sussulto di ragionevolezza politica e venga raggiunto un punto di sintesi accettabile.

  • Deo Fogliazza

    Ho avuto parecchi motivi di contrasto politico, negli anni, con Luciano Pizzetti. Questo non mi ha impedito di apprezzarne l’attività di questi mesi, nel decisivo settore delle Riforme istituzionali. E di sostenere l’attuale iniziativa di mediazione politica firmata con Maurizio Martina. Se posso dire: finalmente qualcuno che ragiona di politica. Spero tanto che anche nella minoranza dem prevalga un sussulto di ragionevolezza politica e venga raggiunto un punto di sintesi accettabile.

  • Sorcio Verde

    Se quella di Calderoli era una porcata, questa è un intera porcilaia.

  • Sorcio Verde

    Se quella di Calderoli era una porcata, questa è un intera porcilaia.

  • Edmondo Trivella

    in realtà i “pontieri” sono i 189 senatori che 15 giorni fa hanno votato per l’ immunità del loro “collega” Azzolini, inquisito dalla Procura della Repubblica per un sacco di (supposti) reati: ad maiora !!!!

    • Deo Fogliazza

      Io non avrei votato come quei 189. Avrei votato come indicato dalla Commissione che aveva avuto il tempo di studiarsi ben bene le “carte”. Ciò detto, va detto anche che i 189 non hanno votato per l’immunità. Hanno evitato che l’Azzollini andasse agli arresti domiciliari. L’indagine continua e l’Azzollini andrà a processo che, se lo riterrà colpevole, potrà condannarlo.

      • Edmondo Trivella

        …ad maiora, appunto !!!! E non dirmi che faccio il processo alle intenzioni: un po’ di tempo fà erano 101 !!!!!

  • Edmondo Trivella

    in realtà i “pontieri” sono i 189 senatori che 15 giorni fa hanno votato per l’ immunità del loro “collega” Azzolini, inquisito dalla Procura della Repubblica per un sacco di (supposti) reati: ad maiora !!!!

    • Deo Fogliazza

      Io non avrei votato come quei 189. Avrei votato come indicato dalla Commissione che aveva avuto il tempo di studiarsi ben bene le “carte”. Ciò detto, va detto anche che i 189 non hanno votato per l’immunità. Hanno evitato che l’Azzollini andasse agli arresti domiciliari. L’indagine continua e l’Azzollini andrà a processo che, se lo riterrà colpevole, potrà condannarlo.

      • Edmondo Trivella

        …AD MAIORA APPUNTO !!!! E non mi si dica che faccio il processo alle intenzioni: un po’ di tempo fà furono 101 che votarono per interessi (a dir poco) lobbistici! Insomma,i “pontieri” si stanno in realtà occupando della “campagna acquisti” ( vanno bene anche gli Azzolini) in vista dello stravolgimento dell’ assetto Costituzionale…intanto il (supposto) reo va tranquillamente a far leggi al senato!!!!

  • pinco pallino

    il gattopardo era un dilettante..e non è mai stato comunista…..!!!

  • pinco pallino

    il gattopardo era un dilettante..e non è mai stato comunista…..!!!