Commenta

Street Basket, la favola cremonese si ferma a Praga: 'Grande emozione'

Sopra, due momenti dell’esperienza dei ragazzi cremonesi in Repubblica Ceca

La favola dei ragazzi dello Street Basket cremonese, promossi dal Torneo Robi Telli, orgoglio nostrano e ormai un must a livello nazionale considerata la provenienza degli iscritti ogni estate, si ferma a Praga, in Repubblica Ceca. La tappa europea di questo torneo di pallacanestro 3vs3 non consente infatti al team di Cremona, che aveva l’onore di rappresentare l’Italia, di qualificarsi alla fase mondiale, e così la “road to Abu Dhabi” (strada per Abu Dhabi, negli Emirati, dove si terrà a ottobre la tappa iridata e conclusiva) non è purtroppo proseguita.
Cremona è uscita comunque a testa alta, inserita nel girone contro i maestri serbi dell’Ub (sfidati alle 18.10 di sabato) e contro gli sloveni del Trbovije (sfida alle 19.30), risultati sul campo ancora più forti dei primi avversari sfidati. Livello altissimo, sia fisicamente che tecnicamente, anche se con la Serbia Cremona avrebbe anche potuto vincere: Pat Verri, Alessio Negri, Riccardo Bottioni e Giovanni Agusto, i quattro cestisti che hanno rappresentato il Robi Telli dopo aver vinto il titolo italiano di Riccione lo scorso 26 luglio, sono infatti stati avanti fino quasi sulla sirena, quando una tripla serba ha portato la gara di supplementari. Anche in questo caso decisivo un tiro da tre che ha chiuso la gara sul 14-12, punteggio davvero equilibrato e che ha fatto onore a Cremona, lasciando anche un po’ di amaro in bocca.
La sfida alla Slovenia era dunque un “dentro o fuori”: nel triangolare, infatti, si qualificavano le prime due ai quarti di finale (e più in generale alla fase ad eliminazione diretta in programma domenica), ma i ragazzi del Robi Telli hanno trovato un osso durissimo. Gli sloveni, oggettivamente più forti, hanno preso subito il largo e si sono imposti per 21-13. Proprio il team della Slovenia, assieme alla rappresentativa Novi Sad, viene considerata del resto la squadra favorita per la vittoria finale della tappa di Praga.
Grande comunque la soddisfazione per l’esperienza maturata, con Cremona che per la prima volta ha giocato questa tappa europea inserita nel tour Fiba (la Federazione mondiale della pallacanestro) dopo avere vinto il suo primo titolo italiano. “Sentire lo speaker che chiamava ‘Team Cremona’ è stata una grande emozione – raccontano i reduci dall’esperienza ceca – . Non ci è sembrato quasi vero di essere arrivati fino a questo punto”.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti