Ultim'ora
Commenta

FuturOrchestra al teatro Ponchielli giovedì 1 ottobre

“Un vivaio musicale per Expo” è il Ciclo di concerti promosso dalla Regione Lombardia con giovani musicisti del Sistema Orchestre e Cori giovanili ed infantili che vedrà protagonista, al Teatro Ponchielli di Cremona (giovedi 1 ottobre ore 20.30), la FuturOrchestra diretta da Pietro Mianiti. Il concerto è ad ingresso libero con assegnazione posti.

L’assegnazione verrà effettuata presso la biglietteria del Teatro Ponchielli nei consueti orari di apertura (10.30-13.30 e 16.30-19.30) a partire da mercoledi 17 settembre per gli abbonati alla Stagione d’Opera e Concertistica, mentre dal 18 settembre per tutti gli interessati. Nutrire con la musica per crescere insieme: questa l’idea di “Un vivaio musicale per Expo”, il ciclo di concerti delle compagini del Sistema Orchestre e Cori giovanili e infantili con particolare coinvolgimento di complessi lombardi, promosso dalla Regione Lombardia e realizzato in collaborazione con la Fondazione I Pomeriggi Musicali.

La prospettiva è di integrare la cornice dell’Esposizione Universale con una proposta culturale fresca e originale che coinvolgerà ed ha coinvolto, varie importanti Istituzioni musicali della Regione: Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Grande di Brescia, Teatro Sociale di Busto Arsizio, Teatro Sociale di Como, Teatro Ponchielli di Cremona, Chamber Music Festival di Mantova, Teatro Fraschini di Pavia, Teatro Apollonio di Varese. L’iniziativa si realizza grazie alla significativa sinergia di tutte queste realtà.

I protagonisti del “Vivaio”, la cui direzione artistica è affidata a Alessandro Cadario, saranno i giovani e giovanissimi musicisti appartenenti ai diversi complessi orchestrali e corali del Sistema, che hanno tenuto  e terranno 12 concerti in 9 città lombarde,  hanno debuttato il 29 maggio al Teatro Dal Verme di Milano, esibendosi anche il 28 agosto al Teatro alla Scala e proseguendo con i concerti sino a fine ottobre.

Il “Vivaio musicale per Expo” offre un’opportunità unica, da un lato per i giovani musicisti, che affrontano sfide progressivamente più impegnative e traggono soddisfazione e incoraggiamento dal continuo confronto con un numeroso e diversificato pubblico; dall’altro per il Sistema stesso, che può riverberare i propri valori e successi con continuità, interessando il territorio di tutta la Regione.

Ecco perché il “Vivaio” rappresenta uno dei fronti principali su cui è impegnato il Sistema in Lombardia nel 2015, fronti molteplici anche grazie al fondamentale sostegno di Fondazione Cariplo, Fondazione Pasquinelli, Fondazione Hilti, e del Programma Cultura dell’Unione Europea, oltre naturalmente a quello della Regione Lombardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti