Ultim'ora
Commenta

Tognazzi torna nella sua Cremona Ecco il busto modellato da Coppetti

Il prossimo 10 novembre compirà 102 anni. Mario Coppetti, però, continua a lavorare, instancabile, nel suo atelier nel cuore di Cremona, la sua città.  Sua, ma anche di un altro grande cremonese, Ugo Tognazzi, che ha raffigurato in questo busto. Quando andiamo a trovarlo, nel suo studio, ci mostra il modello in gesso dell’opera che, una volta realizzata in bronzo, troverà posto nel viale degli artisti al cimitero civico.  Prima però, sarà esposta in una mostra dedicata a Tognazzi, ‘La voglia matta’, dal titolo di uno dei film da lui interpretati, in programma dal 24 ottobre al 10 gennaio al Museo del Violino, iniziativa questa, fra le tante con cui la città vuole ricordare uno dei suoi figli più illustri.

Un’idea, quella di dedicare una statua al grande Ugo per celebrarlo nella sua città a 20 anni dalla scomparsa, lanciata da Mario Silla, direttore di Cremona 1 e Cremonaoggi, e sposata con entusiasmo dal sindaco di Cremona Gianluca Galimberti. A realizzare l’opera non poteva che essere Mario Coppetti, artista che è anche fra i patriarchi della città, custode e memoria dell’arte, della storia, della cultura e dell’impegno civico cremonesi, e già autore di diversi omaggi a grandi italiani, come Giuseppe Mazzini, e grandi cremonesi, come Claudio Monteverdi e Leonida Bissolati. Ugo Tognazzi mancava dalla sua Cremona e mancava alla sua Cremona da un po’ di tempo. Grazie a quest’opera, in qualche modo c’è tornato. Chi lo vorrà potrà ora ritrovare qualcosa di lui, oltre che nei suoi tanti film, anche in quel sorriso sarcastico, in quello sguardo disincantato ma aperto, catturato e fermato per sempre nella materia da un altro cremonese, come lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti