2 Commenti

Vendita 51% di Km Il mercato risponde Prorogata di un mese la gara

Ancora qualche giorno per la scelta della società di consulenza che dovrà collaborare con Aem Spa per la gestione della delicata situazione finanziaria dell’ex municipalizzata. Questa mattina, 20 ottobre, si è tenuta la seconda seduta pubblica nell’ambito delle procedure di gara, durante la quale una delle cinque società partecipanti ha fornito gli approfondimenti richiesti nella prima, su richiesta esplicita del presidente Aem Massimo Siboni. “Solo da adesso – conferma il presidente – potrà iniziare la fase vera e propria di analisi dell’offerta tecnica. Siamo intenzionati a concludere questa fase entro breve e a procedere con l’affidamento entro la fine del mese”. Cinque i concorrenti tra i quali avverrà la scelta.

Prorogata invece di un mese la gara pubblica per la cessione del 51% di Km Spa, la società partecipata che si occupa di trasporto pubblico. Il primo termine era fissato al 16 ottobre, quello nuovo al 16 novembre. “Se nel caso precedente (la scelta dell’advisor, ndr),  l’obiettivo è di scegliere il meglio al più basto costo, per la vendita di KM vale il discorso inverso ossia vendere i nostri asset alle migliori condizioni possibili”, continua il presidente. “Abbiamo ricevuto la richiesta di una società interessata e abbiamo scelto di nostra iniziativa di prorogare i termini per trarre il meglio dalle presenti condizioni di mercato”. Il valore economico delle quote messe in vendita da Aem come base d’asta ammonta a poco meno di 3,5 milioni di euro, comprensivo del premio di maggioranza del 25%. Il valore complessivo dell’azienda tiene conto dei contratti di servizio in essere, in particolare dell’affidamento per otto anni (a partire dal 2013) del servizio di trasporto pubblico nella provincia di Cremona, all’interno dell’Ati Autoguidovie – Km – Line – Miobus – Star. Nello specifico, KM si occupa del servizio interurbano dell’area sud-est della provincia e del servizio urbano della città di Cremona.

L’altro socio di Km, al 49%, è S.A.B Autoservizi S.r.l.  Km era stata costituita i 1 gennaio 2001 per fusione del ramo trasporti extraurbano della SAIA BUS di Cremona con quello urbano di AEM S.p.A. Nel 2002 il Gruppo SAB viene acquisito da Arriva P.L.C; successivamente, nel 2004 KM costituisce, con LINE S.p.A. e STAR S.p.A. di Lodi, la Cremona Trasporti S.c.r.l., una società consortile a responsabilità limitata per la gestione delle autolinee interurbane.

PROSEGUE IL RIORIDNO DELLE PARTECIPATE – Diverse le partite su cui è impegnata Aem, tutte in vario modo ricollegabili alla proposta di acquisto di Lgh (a cui Aem spa partecipa con oltre il 30%) da parte di A2A. Prosegue in particolare il processo di semplificazione delle partecipazioni societarie definito nella delibera di Consiglio comunale lo scorso marzo.  Un processo intermedio è stato modificato rispetto a quell’impostazione (se ne è palato ieri in Commissione Bilancio)  ma si tratta di una questione tecnica che non andrà a modificare il nuovo quadro d’insieme. Sostanzialmente sorgerà una newco che eserciterà i servizi strumentali del Comune, finora affidati a Aem Service, e che quindi dipenderanno al 100% dall’ente locale a differenza di oggi. Resterà però in capo ad Aem la gestione dei parcheggi  cittadini, sia quelli a raso che in struttura. In particolare, andrà a scomparire la società Cremona Parcheggi, proprietaria dell’autosilo Massarotti, le cui finalità saranno riassorbite dalla società ‘madre’, che è appunto Aem Spa.

g.biagi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Ma guarda che liberisti. L’importante sono i bilanci? Sull’acqua ed i rifiuti no? Il trasporto urbano è molto più impattante sui redditi dei poveri dell’acqua. Questa amministrazione è solo demagogia senza solidarietà.

  • Nokia

    Ma guarda che liberisti. L’importante sono i bilanci? Sull’acqua ed i rifiuti no? Il trasporto urbano è molto più impattante sui redditi dei poveri dell’acqua. Questa amministrazione è solo demagogia senza solidarietà.