Commenta

Maxi-controlli interforze:
'Programmati da tempo e oggi
ancora più opportuni'

I controlli interforze partiti giovedì mattina (foto Sessa)

di Michele Ferro

AGGIORNAMENTO – “Un servizio calendarizzato già da qualche tempo, che risulta ancora più opportuno alla luce degli ultimi fatti internazionali”, così in Questura spiegano i maxi-controlli interforze che hanno preso il via a Cremona giovedì mattina, con il lavoro di polizia di Stato, polizia stradale, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale. I servizi sono iniziati attorno alle 7 nell’area della stazione. Un’attività preventiva con l’obiettivo di contrastare reati di ogni genere. Scattate identificazioni e monitorato il flusso di studenti in transito verso le scuole, poi uomini e mezzi si sono spostati in altre zone della città nelle ore successive.

“Si tratta di un’attività programmata con un certo anticipo dal questore su input della Prefettura – dichiara il commissario capo Nicola Lelario – e che oggi, dopo gli ultimi accadimenti, risulta ancora più opportuna. Non è comunque stata determinata da quello che è successo. Non dobbiamo creare allarmismi”.

In cima alla lista degli obiettivi dell’operazione di sicurezza, il mondo della scuola: controlli fra stazione dei treni, terminal bus e via Palestro. “La presenza delle divise è un deterrente”, evidenzia Lelario.

Il personale impegnato si è poi trasferito lungo le direttrici principali, nei pressi del ponte sul Po, in tangenziale e davanti all’ospedale. In programma ore di controlli. Pattugliamenti anche in centro e monitoraggi di carattere dinamico in giro per Cremona. “L’obiettivo è intensificare la sorveglianza sul territorio”, sottolineano in Questura.

GALLERIA IMMAGINI (FOTO SESSA)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

© Riproduzione riservata
Commenti