Un commento

Rientra a casa e si trova
faccia a faccia con il ladro:
colpo fallito al Maristella

Si è trovato faccia a faccia con il ladro, che, colto sul fatto, ha lasciato l’abitazione fuggendo a mani vuote. Il colpo è stato sventato dal figlio del residente, che al suo rientro ha trovato l’intruso dentro casa.

di Laura Bosio

Si è trovato faccia a faccia con il ladro, che, colto sul fatto, ha lasciato l’abitazione fuggendo a mani vuote. Il colpo è stato sventato dal figlio del residente, che al suo rientro ha trovato l’intruso dentro casa. Il tentato furto è avvenuto poco dopo le 18 di oggi in un’abitazione del quartiere Maristella. Durante la fuga, il malvivente, che aveva già rovistato nelle stanze dell’abitazione, sarebbe stato avvistato nella zona di via del Maris. Immediata la chiamata alla polizia che si è messa sulle sue tracce. Ora è caccia al ladro.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • giorgino carnevali

    TRANQUILLITA’ TRA LE MURA DI CASA.
    Utopia, ecco, appunto, nel titolo è racchiusa tutta “l’utopia” di noi gente della bassa. Ed allora? Allora ci si arrangia come si può! Presidi casalinghi, turni massacranti del tipo: “Oggi rimango io, domani tu…in casa a sorvegliare. Così ci si organizza in famiglia”. E poi inferriate, robuste inferriate, impianti (i più sofisticati) di antintrusione-allarmati, passa parola coi vicini: “Per cortesia dammi un occhio alla casa, mi assento per una quarantina di minuti”, telecamere (delle più costose ed attuali), collegate con impianti di illuminazione esterni ad accensione improvvisa, sensori di passaggio….Conclusione, fino a quando l’homo sapiens resisterà? Ecco perché le basi dell’uomo “ubriaco” vacillano sempre di più sotto la di lui insicurezza dell’abitare quotidiano. Dovrebbe essere tutto, forse!