Commenta

Fasani: 'Trattativa Lgh A2A,
il Pd sta commissariando
Galimberti'

Continua il dibattito attorno ai piani industriali (in fase di stesura) di Lgh ed A2A, dopo la diffusione pubblica del documento della Direzione cittadina del Pd che giovedì scorso ha espresso la propria linea circa le priorità che l’amministrazione comunale dovrà portare avanti nel prosieguo della trattativa tra le due multiutilities. Occhi puntati, ovviamente, sui tempi di dismissione dell’inceneritore. “Il documento uscito dalla segreteria del PD – afferma dai banchi della minoranza consigliare Federico Fasani, Ncd – contiene alcune conferme e fa sorgere qualche domanda.
“Primo: La chiusura dell’inceneritore entro il 2017, promessa in campagna elettorale e confermata nei mesi successivi dal sindaco e dalla maggioranza, era una bufala totale, alla faccia dei tanti cittadini che hanno dato fiducia alla sinistra. Oggi cercano di far apparire un successo una clamorosa smentita.
Secondo: L’operazione A2A-LGH è un’operazione politica e di potere e non un’iniziativa industriale. Diversamente non si capirebbe la chiamata in causa dei segretari provinciali e regionali del PD. Quale dovrebbe essere il loro ruolo in questa partita? Piegare le logiche economiche industriali alle convenienze politiche del PD? Terzo: i Sindaco Galimberti è stato scaricato ed emarginato dagli altri soci LGH per le sue strampalate richieste. L’intervento dei vertici politici serve dunque a sostituirsi ad un sindaco privo di autorevolezza e incapace di condurre trattative con i suoi colleghi, peraltro dello stesso partito, per operazioni così importanti per il territorio? Quarto: il documento politico del PD costituisce l’atto ufficiale di commissariamento del Sindaco Galimberti da tempo in crisi di fiducia e di consensi.
“Dunque – continua Fasani –  visto che nella valutazione di LGH da parte di A2A si è tenuto conto dell’asset inceneritore, di cui si vaneggia la chiusura entro il 2024, a carico di chi saranno messi i 50 milioni di euro di svalutazione della società? A carico dei cittadini cremonesi oppure a carico dei cittadini di tutti i comuni soci di LGH? Si prefigura una ulteriore riduzione del valore della società? Oppure si pensa di aggiustare la questione nelle stanze delle segreterie del PD?
È ora che anche i politici della sinistra smettano di credere che i cittadini siano incapaci di intendere e di volere ma soprattutto che possano dare ancora credito a chi ogni giorno collezione insuccessi e clamorose smentite”.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti