Cronaca
Commenta5

Quattro quartieri verso un'alleanza contro il progetto su via Giordano

Una collaborazione che era nell’aria, quella tra i quattro Quartieri della zona meridionale della città: Po, Giordano – Cadore, Battaglione-Bagnara, con l’aggiunta del quartiere Centro, uno dei più estesi e molto variegato al suo interno, confinante a sud con i primi tre. Il comune denominatore che in questa fase lega le quattro zone cittadine è la questione Via Giordano, con il progetto preliminare di revisione viabilistica passato in Giunta e presentato al Quartiere maggiormente interessato, quello di via Giordano. All’assemblea convocata da quest’ultimo qualche settimana fa, erano presenti anche i presidenti del Centro, Paolo Marcenaro e di Bagnara, Luciano Losi. E presto i quattro presidenti torneranno a riunirsi, il prossimo 5 maggio, per vedere se è possibile trovare una posizione comune in merito a quel progetto che nell’assemblea non aveva riscosso un grande successo.

“Su alcuni temi si può effettivamente lavorare insieme – dice Marcenaro – La viabilità è uno di questi, perchè le scelte che vengono fatte in una zona hanno rispercussioni anche su quelle limitrofe. Su altri problemi invece, ad esempio la sicurezza (il riferimento è all’incontro di giovedì sera sul controllo di vicinato, ndr) i problemi sono effettivamente un po’ diversi e quello che può andar bene al quartiere Po, o al Maristella, può non essere adeguato per il Centro”.

Dunque si profila una collaborazione tra più quartieri su un progetto, quello per le vie Giordano – Cadore, che è stato sicuramente mal digerito dai partecipanti all’assemblea, certamente non rappresentativi di tutti i residenti, ma comunque rivelatori. Tra le lamentele emerse, la mancanza di un progetto organico su tutta la città, il fatto che sia un intervento a spot non inserito nel Piano urbano per la mobilità; il fatto, ancora, che la doppia pista ciclabile tolga un eccessivo numero di parcheggi e impedisca anche la sosta breve.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti