2 Commenti

Eventi in città: jazz al museo
civico e week end formato
famiglia e poesia

foto Sessa

Preceduto dal consueto aperitivo alle ore 19, giovedì 16 giugno, alle 21, nel cortile di Palazzo Affaitati nuovo appuntamento con JAZZ@CIVICO , protagonista Harold Danko – Gigi Di Gregorio Quartet. Il quartetto nasce dal sodalizio, che dura ormai da diversi anni, di due grandi artisti: Gigi Di Gregorio, eccellente sassofonista e compositore torinese, e Harold Danko famoso pianista e compositore americano che ha suonato con leggende del Jazz quali Chet Baker, Gerry Mulligan e Lee Konitz. I due musicisti saranno affiancati da Mauro Battisti al contrabbasso e da Luigi Bonafede alla batteria. Il concerto si terrà anche in caso di pioggia.

Harold Danko, pianista e compositore nativo dell’Ohio, ha frequentato la Youngstown State University. Ha lavorato con le big bands di Woody Herman e Thad Jones/Mel Lewis, in piccole formazioni con Gerry Mulligan, Chet Baker e Lee Konitz. Ha collaborato stabilmente con Rich Perry negli anni 90 suonando anche con Rufus Reid, Kirk Lightsey, Jeff Hirshfield, Edward Simon, e Gregory Herbert. Ha insegnato nelle più prestigiose Università tra le quali la facoltà della Manhattan School of Music di New York.

Gigi Di Gregorio, sax tenore e soprano, compositore, ha suonato in Big Band che hanno ospitato musicisti come Lee Konitz, Enrico Rava e Gianni Basso. Ha partecipato ad importanti rassegne internazionali di musica jazz in Europa, tra cui l’Eurojazz Festival di Ivrea, il jazz festival di Borja, Monaco Jazz Chorus, Jazz Italiano ad Antibes, Mercedes Jazz Festival, Ventimiglia Jazz, il Due Laghi Jazz Festival di Avigliana, Montecarlo Jazz Festival , Fringe Torino Jazz Festival e numerosi altri. Ha partecipato al Shanghai Music Expo e al Music Kermesse di Mosca come Endorser Sassosofoni Lupifaro. E’ stato votato tra i migliori nuovi talenti nel sondaggio Top Jazz pubblicato dalla rivista Italiana Musica Jazz nel Gennaio del 2015. Il suo recente album Live al JCT, con Harold Danko, Mauro Battisti e Luigi Bonafede è stato votato tra i migliori album del 2014 negli USA nel Ballots Jazz Pool 2015 da Larry Kart former Down Beat e Chicago Tribune.

Altro genere di musica venerdì 17 giugno, alle ore 21, nella Sala Manfredini del Museo Civico “Ala Ponzone”, in occasione del concerto per la presentazione ufficiale del cd Cremona che ha come sottotitolo “Città della musica”. L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria alla biglietteria del Museo di via Ugolani Dati, 4 (dalle 10 alle 17 – tel. 0372 407770, museo.alaponzone@comune.cremona.it ). La serata, presentata da Roberto Codazzi, vede come protagonisti Francesco Zuvadelli, pianoforte, Emi Aikawa, voce, Giacomo Invernizzi, violini Collin- Mezin, “Shoah” e “Baldantoni”, Ulrike Fischer, viola “Catenar”, Elena Castagnola – “violoncello lombardo del XVII secolo”, Camilla Finardi, mandolino “Della Memoria”, e Francesco Molmenti, chitarre “Stauffer” e “Aubry – Maire”. Sono i musicisti che, nel marzo scorso, nella stessa sala, hanno registrato i brani che hanno vita a questo progetto dedicato alla storia musicale della città utilizzando, fatta eccezione per il pianoforte, strumenti della Collezione Carlo Alberto Carutti “Le Stanze per la Musica” del Museo Civico. Questo il programma di sala:

Il cd Cremona è un progetto che cerca di raccontare come il rivoluzionario cambiamento musicale del Rinascimento, che aveva trovato in città uno dei fulcri di questo nuovo percorso culturale, abbia fatto conoscere la città di Cremona all’estero. Grazie alla collaborazione della Collezione “Le Stanze per la Musica” del Museo Civico Ala Ponzone, della Vibo Bontempi Spa e del Comune di Cremona l’opera fa rivivere come, tra il XIX e il XX secolo, la città del Torrazzo abbia influenzato compositori in varie parti del mondo. La Cremona di questi brani non è solo quella della liuteria ma anche quella della evoluzione cittadina e sociale che, partendo da quella rivoluzione musicale rinascimentale, ha dato un impulso enorme allo sviluppo artistico in tutte le sue sfaccettature. Con questo cd, i cui brani non sono mai stati registrati prima d’ora, il progetto Cremona “Città della Musica” cercherà di portare avanti la storia musicale di Cremona legando il suo nome a quello di autori che hanno deciso di omaggiare un luogo in grado di dare un enorme sviluppo al linguaggio universale per eccellenza, quello della musica. Da questo linguaggio volto ad unire le persone grazie ad un forma d’arte in continua evoluzione si può trovare una connessione unica tra musica, arte e espressione non solo verbale. La distribuzione dell’opera avverrà in via digitale sulle principali piattaforme come iTunes, nelle catene di distribuzione on-line e nei principali music store.

EVENTI ALL’APERTO: APPUNTAMENTI 18-19 GIUGNO –  Nel programma di Rigenerazione Urbana 2016 ci sono i mattoncini di Cremona Bricks: l’appuntamento è sabato 18 giugno, alle ore 15, in corso Campi con Bricks Street. Sempre sabato, dalle 10.00 alle 19.30, in corso Garibaldi mercatino degli hobbisti con circa 25 stand distribuiti nel tratto di strada fino a palazzo Cittanova. Dalle 15.30 alle 18, sempre in corso Garibaldi, tante attività per i bambini con “Don Chisciotte” e “Sogni di Carta”. Questo volta sono previsti gruppi di gioco in inglese, mentre la mascotte Rino accompagnerà i giovanissimi nelle varie postazioni di gioco. Presente “Esprimo Sento” con psicomotricista e, a seguire, laboratorio per bambini dai 6 anni in su. Presenti ancora una volta gli educatori del centro estivo della Società Canottieri Bissolati ed anche Mister Robert con il carrettino dei gelati. I bambini potranno sbizzarrirsi in vari modi: giochi con la sabbia, gessetti colorati per disegnare sull’asfalto, corsa delle biglie e tanto altro ancora. Torna il truccabimbi e ci saranno palloncini a volontà. Alla fine festa a tema e merendine per tutti.

Domenica 19 giugno, dalle 10 alle 23, piazza Antonella, nel cuore della città, sarà la sede della seconda edizione del Summer Poetry Festival in Cremona, i Linguaggi della Poesia organizzato da Gli Stagionali-Poeti in Cremona e dal Circolo Poetico Correnti in collaborazione con il C.S.C. (Centro Scrittura Cremonese) Mara Soldi Maretti-Giuliano Cremonesi. Alle ore 10 l’apertura ufficiale del Festival con la presentazione del programma e il saluto dell’Amministrazione comunale a seguire vari reading poetici, anche estemporanei, della  durata di 5 minuti per ogni partecipante. Durante la giornata saranno esposte le opere pittoriche di Cesare Galli. L’evento è realizzato con la direzione artistica di Alberto Mori, Giovanni Uggeri, Vincenzo Montuori e Marina Grazioli. Grafica ed immagine di Elena Baila, audio e video sono di Acid Studio. Durante la manifestazione e per tutti gli eventi la partecipazione del pubblico è libera. In caso di maltempo il Festival si terrà la domenica successiva nello stesso luogo.

Che Bande! infine è una delle novità di quest’anno di Rigenerazione Urbana: le bande infatti tornano ad animare il centro cittadino. La prima ad esibirsi, domenica 19 giugno, alle ore 17, nei giardini di piazza Roma, sarà la Banda della Società Musicale Estudiantina di Casalmaggiore.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Fedeli Costantino

    Buonasera. Per puro dovere di informazione, seppur non nell’ambito di
    “Rigenerazione Urbana” ma sempre con il patrocinio e la collaborazione
    del Comune di Cremona, il Complesso Bandistico “Città di Cremona” già la
    scorsa domenica ha animato i Giardini Pubblici di Piazza Roma con un
    concerto ormai diventato appuntamento abituale. Infatti già dal
    2011 abbiamo voluto recuperare la tradizione dei concerti domenicali in
    Pagoda della gloriosa Civica Banda Cittadina. Auguriamo alla Banda della
    Società Musicale Estudiantina di Casalmaggiore lo stesso grande
    successo che il pubblico ha tributato al nostro Complesso Bandistico la
    scorsa domenica!
    Arriverci al prossimo concerto in Pagoda del 18 settembre!

  • Marco Regosa

    Salve, sono il direttore del Complesso Bandistico Città di Cremona.
    Mi associo al commento precedente: la Banda di Cremona già svolge questa attività dal 2011, due volte all’anno.
    Spiace leggere articoli come questo: evidentemente l’attenzione mediatica agli eventi “autoctoni” è parecchio scarsa, nonostante la presenza del pubblico a tali eventi sia numerosa e calorosa.
    Dall’altro lato fa piacere invece sapere che eventi culturali di questo genere siano promossi, e addirittura allargati ad altre realtà del territorio.
    Auguro buon concerto alla banda di Casalmaggiore, segnalo il concerto della Banda di Cremona il 19 sera (in cattedrale), e vi invito al concerto in Pagoda del 18 settembre.