Commenta

Testimonianza di Tavecchio
emoziona gli studenti
di Torriani e Ghisleri

Nell’ambito delle numerose iniziative a corollario del progetto ExSportAbile, del quale il Comune di Cremona è capofila e che mette in rete numerose realtà della province di Cremona e Mantova attive nel mondo dello sport di base, dell’integrazione e dell’educazione, Alessio Tavecchio, già atleta paralimpico e testimonial di numerosi eventi dedicati alla sicurezza stradale, ha incontrato dapprima 400 ragazzi dell’Istituto Tecnico di Istruzione Superiore Torriani e poi 200 studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Arcangelo Ghisleri”. A lui il compito di fornire ai giovani, che frequentano gli ultimi due anni di queste scuole, preziosi consigli su corretti stili di vita alla guida in auto e con le due ruote.
Facendo riferimento alla sua esperienza personale di vita e di rinascita, Alessio ha saputo “utilizzare” il suo incidente motociclistico, con conseguente paraplegia, trasformandolo in un’occasione di crescita e di evoluzione. Per questo ha deciso di affrontare un’intensa ricerca interiore mettendo a nudo i suoi limiti e i suoi punti deboli con l’unico scopo di superarli, migliorare se stesso e trasmettere ad altri gli insegnamenti positivi che ne ha tratto. La testimonianza di Alessio va oltre e fa capire concretamente che il potenziale umano non ha limiti e che esiste sempre la possibilità di trasformare ogni caduta in una rinascita luminosa, ogni sconfitta in una grande vittoria.
Questo percorso formativo parla in maniera diretta e con una modalità innovativa del valore della vita. Attraverso la testimonianza dell’incidente stradale che lo ha costretto su una sedia a rotelle nel 1993, Alessio Tavecchio ha saputo coinvolgere gli studenti in un percorso di consapevolezza di tutto ciò che viene messo in gioco quando si è alla guida di un mezzo e di apprendimento di quanto la prevenzione stradale sia un imprescindibile impegno personale e civile nel dare valore alla propria vita e a quella degli altri. La capacità comunicativa di Alessio ha saputo emozionare chi lo ascoltava, riuscendo a motivare i giovani a credere in loro stessi e nei propri sogni. L’obiettivo era infatti stimolarli a vivere con entusiasmo, perché così facendo potranno scoprire i propri talenti, usarli e dare significato e valore alla loro stessa vita.

© Riproduzione riservata
Commenti