Commenta

Avis di Cremona in festa
per l'83° di Fondazione

L’Avis comunale di Cremona si appresta a celebrare domenica prossima, 23 ottobre, l’83° compleanno (è stata infatti fondata nell’ottobre del 1933, seconda in Lombardia dopo Milano e quinta in tutta Italia) con una manifestazione che si svolgerà secondo il seguente programma:

alle ore 8,30 è previsto presso la sede di via Massarotti il ritrovo dei partecipanti che, in corteo, si recheranno presso la chiesa di San Bassano, dove verrà celebrata la messa.
Al termine della funzione religiosa si rientrerà in sede dove il presidente dell’Avis comunale, Ferruccio Giovetti, rivolgerà un saluto ai presenti. Dopo l’intervento delle autorità prenderà la parola Massimo Crotti, responsabile del servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, sede di CLV per la Macroarea Cremona – Mantova.

Verranno infine consegnati gli attestati di benemerenza ai donatori che hanno effettuato le 100 e le 120 donazioni.

Nel corso della manifestazione verrà donato alla sede cittadina dell’Avis un quadro in memoria di Vanni Adami, medico di famiglia scomparso lo scorso gennaio. La moglie Laura e la figlia Anna consegneranno un dipinto incentrato sul tema della donazione di sangue a firma di Graziano Bertoldi per ricordare il lungo sostegno di Vanni alla causa e i numerosi pazienti militanti tra le file dei donatori.

Intanto il consiglio direttivo dell’Avis, nel corso della riunione tenutasi lo scorso 13 ottobre, ha dato mandato ai propri uffici di effettuare il versamento di quanto raccolto in occasione della 29^ edizione della ciclo-pedalata “Pedalare e bello…..con l’Avis” sul conto corrente appositamente predisposto dall’Avis nazionale a favore delle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto.

La somma raccolta, che ammontava a 1763,00 euro, è stata integrata dall’Avis stessa e portata a 2000,00 euro.
L’Avis nazionale, come per precedenti analoghe calamità, intende intervenire sulla base di specifici progetti per la realizzazione di opere necessarie alle popolazioni colpite.

© Riproduzione riservata
Commenti